La Val di Susa salvata dalle nonne - da EcoAlfaBeta
Data: Saturday, 02 July @ 03:02:44 CEST
Argomento: dai media


Riporto una testimonianza piuttosto forte di un sindaco della Val di Susa a proposito del grande ruolo degli anziani nella protesta NO TAV (qui l\'articolo originale di Pietro De Angelis)
"Quando le forze dell\'ordine sono arrivate su, secondo me la partita era finita, nel senso che noi ci stavamo ritirando. Ma hanno pensato bene di riempire il piazzale della Maddalena di lacrimogeni. E queste signore [partecipanti dei comitati No Tav, ndr] hanno cominciato a sentirsi male. Sono persone di sessanta, settanta anni che di solito gestivano la cucina, che è il cuore pulsante del presidio, e loro sono anche il cuore pulsante del movimento. Perché sono le nonne, che si portano poi dietro le figlie, e i nipoti. Sono quelle che hanno la memoria storica di questa valle e sono state loro forse le prime a insegnarci a difenderla, questa valle, proprio perché la ricordano e la vogliono ricordare così com\'era.

E pertanto vedere queste signore, che cadevano a terra, con gli occhi gonfi, con i conati di vomito, che stavano soffocando, è stata una scena tremenda, che probabilmente non verrà presa in considerazione dalla controparte, che ci dirà che il blitz è andato benissimo e non ci sono stati feriti. Quando abbiamo pensato di andare nei boschi, non è che è finita lì.

Ci hanno inseguito nei boschi. Hanno tirato i lacrimogeni nei boschi, durante una marcia di due ore che abbiamo dovuto fare...per un sentiero impervio, con quattrocento persone in fila indiana, che hanno dovuto scalare la montagna. E con appunto queste signore, che quando sono arrivate su, dopo due ore e mezza di marcia, erano sdraiate per terra e noi mettevamo loro l\'acqua sulla bocca e in fronte per farle riprendere. Questo è stato quello che è successo."

da EcoAlfabeta





Questo Articolo proviene da NO TAV
http://www.notav.eu/nuke/

L'URL per questa storia è:
http://www.notav.eu/nuke//modules.php?name=News&file=article&sid=5386