Dichiarazione di Bulgarelli - 8 nov. 2005
Data: Wednesday, 09 November @ 22:33:26 CET
Argomento: Quello che i politici dicono sul Tav


non criminalizzare il dissenso della società civile




““Le oltre cento denunce spiccate contro i partecipanti alla manifestazione contro la costruzione della linea ad alta velocità in Val di Susa sono un segnale grave e preoccupante”. E’ il parere del verde Bulgarelli, che continua: “Opere così impegnative, che comportano un impatto ambientale così rilevante e modificano lo stesso modo di vivere della gente non possono essere realizzate senza la piena condivisione della società civile. E da quest’ultima –continua Bulgarelli- mi pare che provenga in maniera inequivocabile la richiesta di bloccare i lavori, richiesta alla quale non si può rispondere con gli atteggiamenti arroganti e le denunce. Occorre tenere presente che alle mobilitazioni ha aderito una massa impressionante di persone, che hanno dimostrato una determinazione che lascia presagire un ulteriore allargamento della protesta. E’ assurdo, non tenerne conto e pretendere –da parte delle istituzioni- di risolvere la questione per via giudiziaria: sarebbe un errore gravissimo, che determinerebbe, ancora una volta, uno scollamento con la società civile. Per questo –conclude il parlamentare dei verdi- ritengo che, per quanto riguarda l’Unione, si debba prestare ascolto alle ragioni della protesta e, se essa diverrà maggioranza
di Governo, rimettere radicalmente in discussione il progetto TAV in Val di Susa.”








Questo Articolo proviene da NO TAV
http://www.notav.eu/nuke/

L'URL per questa storia è:
http://www.notav.eu/nuke//modules.php?name=News&file=article&sid=431