Di Pietro volta faccia
Data: Thursday, 27 December @ 20:40:07 CET
Argomento: O' ministro


Nel gennaio del 2006, il ministro di pietro scriveva sul suo blog un articolo nel quale lamentava la "promozione elettorale a spese dei contribuenti" ed inseriva la Torino-Lione tra le "Grandi Opere, quelle che non servono a nulla (ma servono, e come, a qualcuno) e che nessuno vuole, come il Ponte sullo Stretto, il Mose a Venezia e il TAC (Treni ad Alta Capacità, non TAV, l’alta velocità non c’entra nulla) in Val di Susa".
Come e quanto il ministro, una volta arraffati i voti delle persone in buona fede, abbia portato avanti l'idea che caratterizzava la sua campagna elettorale lo potete appurare quasi quotidianamente sui media. Chissà che ne pensano tutti coloro che gli davano piena disponibilità ed appoggio nei commenti sul suo blog...


Dal blog di Di pietro:
Promozione elettorale a spese del contribuente
La discussione sulla par condicio e sull’occupazione della televisione per spot elettorali in compagnia dei nuovi nani e delle nuove ballerine da parte del centro destra e del suo esponente di maggiore o minore spicco (fate voi), ci sta distraendo dallo spreco di risorse pubbliche utilizzate per propaganda elettorale.
Una pubblicità sgangherata e mendace fatta sottraendo soldi alle famiglie italiane.

Faccio tre esempi:

- lo spot televisivo sulle Grandi Opere, quelle che non servono a nulla (ma servono, e come, a qualcuno) e che nessuno vuole, come il Ponte sullo Stretto, il Mose a Venezia e il TAC (Treni ad Alta Capacità, non TAV, l’alta velocità non c’entra nulla) in Val di Susa

- l’opuscolo che il Ministero dell’Innovazione manderà per posta a 16 milioni di famiglie illustrando l’operato del Governo e l’avvento dell’era digitale (costo: più di settemilioni di euro)

- la lettera che sarà inviata a tutti i bambini nati nel 2005 con “un grosso bacio” per informarli che hanno diritto a 1000 euro.
In Internet questo modo di operare si chiama “spamming” ed è punito dalla legge, per il Governo si chiama informare, per il sottoscritto si chiama propaganda elettorale alle spalle dei cittadini.

http://www.antoniodipietro.com/2006/01/promozione_elettorale_a_spese.html
(Grazie a PaoloFax per la segnalazione)






Questo Articolo proviene da NO TAV
http://www.notav.eu/nuke/

L'URL per questa storia è:
http://www.notav.eu/nuke//modules.php?name=News&file=article&sid=3817