Sindaco 'blindato' nel suo ufficio comunale
Data: Friday, 25 May @ 11:38:07 CEST
Argomento: Ridiamoci su


Questa notiizia non c'entra molto con il notav, ma siccome è a metà tra il grottesco ed il ridicolo e siccome non si vive di solo notav ed ogni tanto bisogna pur distrarsi...
Una porta automatica in vetro che separa l’ufficio del sindaco e quello di pochi altri dirigenti dal resto dell’edificio municipale. Il dispositivo è costato oltre 5 mila euro e sta scatenando furiose polemiche. A cominciare dal capogruppo della Quercia Dario Verdicchio. «Se l’amministrazione da una parte ha raddoppiato l’addizionale Irpef, dall’altra ha pensato bene di destinare una parte dei pochi fondi a disposizione a un’opera considerata assolutamente prioritaria - ironizza il consigliere diessino - Non c’è che dire: davvero un bel sistema per dividere una parte del «palazzo» dai cittadini».



Insomma, sebbene ancora in fase di collaudo, la novità introdotta dalla giunta sta già facendo discutere. E non solo per i costi. La porta scorrevole, installata a metà del corridoio che conduce all’ufficio di Bronzato, potrà essere azionata solo da un «pass» magnetico distribuito a un numero ristrettissimo di persone, vale a dire i componenti della giunta e i dirigenti comunali.
 Mancano solo le guardie giurate, come davanti alle banche. Una vera e propria «rivoluzione» che manda in soffitta abitudini radicate da decenni. Finora, bastava chiedere al personale della segreteria di parlare con il sindaco e gli assessori, ovviamente adeguandosi agli orari stabiliti per il ricevimento. In futuro, sarà invece tutto più complicato: bisognerà spiegare dettagliatamente il motivo del colloquio e attendere l’autorizzazione all’apertura delle porte scorrevoli. «Immagino il disagio di una persona anziana che, per incontrare il proprio sindaco, dovrà misurarsi con ostacoli elettronici - rincara Verdicchio - Quanto sarà stimolato, quel cittadino, a parlare con l’istituzione a lui più vicina? Si è perso il senso delle proporzioni. Abano non è Padova, dove peraltro a nessuno è venuta in mente una simile idiozia, né tanto meno New York».
 «Evidentemente, il sindaco di Abano è più importante degli amministratori citati da Verdicchio - esordisce con una battuta Andrea Bronzato - Si tratta del primo passo di un normale processo di riorganizzazione degli uffici comunali: non abbiamo certamente voluto costruire un muro fra cittadini e Comune, ma solo razionalizzare il continuo viavai. Questo in attesa di istituire il nuovo settore relazioni con il pubblico al piano terra del municipio». Intanto, l’accesso al capo della giunta sarà comunque «off limits» per la maggior parte degli aponensi.
da IL MATTINO DI PADOVA 19 MAGGIO 2007  - EUGENIO GARZOTTO 

per saperne di più sul comune di abano terme







Questo Articolo proviene da NO TAV
http://www.notav.eu/nuke/

L'URL per questa storia è:
http://www.notav.eu/nuke//modules.php?name=News&file=article&sid=3315