ViviEnna
Data: Saturday, 05 November @ 15:27:52 CET
Argomento: Solidali alla lotta NO TAV in Val Susa


Salerno: ‘No Tav’ ha ragione. Il Governo destini i 21 miliardi di euro alla Sicilia

Enna 01/11/05 - In Piemonte gli ambientalisti del movimento "No TAV" (contrari alla ferrovia ad alta velocità Torino-Lione) hanno bloccato i cantieri per i sondaggi relativi alla realizzazione di una nuova ferrovia.

Dicono che già nella zona ci sono un'autostrada, un traforo, due strade statali e una linea ferroviaria efficienti e che non è necessario spendere quindi i 21 miliardi di euro previsti (oltre 40.mila miliardi di vecchie lire).

Il presidente della provincia di Enna, Cataldo Salerno, coglie l'occasione e manda a dire al governo nazionale: "Realizzate le ferrovie dove non ci sono tratte ferroviarie degne di questo nome, cioé in Sicilia, dove c'è bisogno di sistemi di comunicazione, di occupazione, di infrastrutture per lo sviluppo produttivo. Qui di sicuro non possiamo neppure pensare di permetterci il lusso di protestare per una ferrovia in più: ci manca ancora l'essenziale".

E aggiunge: "Ci basterebbe una piccola fetta di quei soldi per rendere civile la ferrovia Palermo-Catania e costruire anche la strada dei due Mari".







Questo Articolo proviene da NO TAV
http://www.notav.eu/nuke/

L'URL per questa storia è:
http://www.notav.eu/nuke//modules.php?name=News&file=article&sid=323