avviso ricevuto via mail
Data: Tuesday, 01 November @ 22:10:10 CET
Argomento: 31 ottobre 2005


Cari amici,
Per quelli come noi che abitano tra Torino e La valle di Susa, la notizia che stiamo per dare potrebbe essere piuttosto utile.

Si tratta di una specie di sciopero, non sapremmo come altrimenti definirlo.
La scorsa settimana siamo venuti a conoscenza del fatto che per protestare contro la Torino/Lione in valle si sta organizzando, pare piuttosto minuziosamente, un'azione assolutamente legale, ma che per chi viaggia da e per la valle, come può capitare a quelli di Rivoli, Alpignano, Pianezza e Venaria, può risultare piuttosto disagevole.
L'azione di protesta consisterebbe nel rispettare sempre, e per difetto, i limiti di velocità, le distanze di sicurezza tra veicoli, facendo particolare attenzione e moderando al massimo le velocità in corrispondenza di semafori, attraversamenti pedonali, rotonde, incroci.
Per quanto abbiamo capito pare che gli automobilisti in protesta inoltre impegneranno il centrostrada dove esistono le strisce continue,
senza mai agevolare i sorpassi (perchè fuorilegge). Non è escluso l'utilizzo di mezzi agricoli e tricicli a motore vari (le famose Apecar).
Chi parlava, sorridendo sornione accennava a "Sabba o raduni dell'Apecar" da organizzare con continuità.
Non sappiamo quando partirà l'iniziativa, se durerà ore o giornate, neppure sappiamo se è solo una "prova generale" in vista di qualche altra protesta, sciopero generale, blocco eventuale di strade.
In ogni caso quella che definiremmo operazione "Lumaca selvaggia" pare imminente.
Chi si trovasse in viaggio in queste condizioni sappia quindi che non si tratterebbe di vecchietti semirimbambiti ma dell'ultima iniziativa inventata dai valsusini per protestare ancora una volta rispettando le leggi.
Vi preghiamo di comprendere l'iniziativa, visto che la loro battaglia contro gli sprechi ci sembra utile per tutti, noi compresi.
Vi preghiamo di evitare discussioni caso mai partendo con anticipo.
Evidentemente chi ha fretta può evitare quelle strade, magari, se possibile, scegliendo altre mete, almeno finchè sarà in atto questa protesta.
Grazie dell'attenzione e diffondete agli altri eventuali amici interessati.







Questo Articolo proviene da NO TAV
http://www.notav.eu/nuke/

L'URL per questa storia è:
http://www.notav.eu/nuke//modules.php?name=News&file=article&sid=254