Seconda canna del Frejus autostradale
Data: Sunday, 30 April @ 21:58:55 CEST
Argomento: Altri Problemi ed Iniziative


Quando  la Cig che doveva trattare il raddoppio del Frejus prevista per il 17 marzo era stata rinviata sotto sotto avevo pensato ad un atto di correttezza del ministro lunardi (oltre che all'imbarazzo per i disastri della quarta corsia, anche lei inizialmente vendutaci come di servizio e per la sicurezza e poi magicamente diventata di transito (foto su montagna nostra).



Grave errore! Infatti, come riportato ieri da TorinoCronaca (la stampa non ne parlava nemmeno nelle pagine locali), il ministro (vista la data più uscito che uscente) ha incontrato il suo omologo francese il 28 aprile e, come scrive il ministro francese sul suo sito, han deciso di affidare ad una commissione "indipendente" una relazione per determinare i criteri di realizzazione della canna di servizio (si sono messi d'accordo per 8 metri di larghezza dunque vedo e prevedo che diventerà un'effettiva seconda canna altro che canna di servizio).

28 avril 2006 - Tunnel du Fréjus

Dominique PERBEN, ministre des Transports, de l'Equipement, du Tourisme et de la Mer, et son homologue italien sont convenus en février dernier du principe de la réalisation d'une galerie de sécurité dans le tunnel du Fréjus.

Ils ont alors demandé à la commission intergouvernementale de contrôle du tunnel de Fréjus (CIG) d'avoir recours à une expertise indépendante afin de déterminer les caractéristiques d'une galerie permettant d'assurer la sécurité et la rapidité de l'intervention des moyens de secours et de lutte contre les incendies ainsi que de renforcer leur efficacité.

La commission, initialement prévue le 17 mars et reportée à la demande de la partie italienne, s'est tenue ce jour. Elle a proposé aux ministres italien et français des transports, en s'appuyant sur l'avis de l'expert extérieur, une galerie de sécurité de 8 mètres.

Cette proposition marque l'aboutissement des discussions engagées depuis plusieurs mois avec les Italiens. A la demande de la France, elle respecte deux principes :

1) ne pas transiger avec la sécurité ;
2) ne pas permettre une augmentation de la capacité de l'ouvrage.

Les coûts de sécurisation du tunnel ont vocation à être pris en charge par les usagers.

Dominique PERBEN souhaite une construction rapide de cette galerie de sécurité. Il va donner mandat, conjointement avec le ministre italien des transports, à la CIG de faire réaliser d'ici la fin de l'année les études opérationnelles de cette galerie et de définir les modalités de financement des travaux par les usagers.

Afin que ces modalités de financement n'induisent pas un report de trafic sur les autres passages alpins, la France étudiera en liaison avec les pays voisins les mesures à mettre en œuvre sur les axes concernés et notamment sur les voies d'accès au tunnel du Mont-Blanc et au passage de Vintimille.

Contacts presse

01 40 81 72 36
01 40 81 31 59
01 40 81 12 90


Traduzione automatica (e dunque di parecchio migliorabile):

Dominic PERBEN, ministro dei trasporti, dell'attrezzatura, del turismo e del mare, ed il suo omologo italiano si erano accordati nel febbraio scorso sul principio della realizzazione di una galleria di sicurezza nel tunnel del Fréjus.
Hanno allora chiesto alla commissione intergovernativa di controllo del tunnel di Fréjus (CIG) di ricorrere ad una competenza indipendente per determinare le caratteristiche di una galleria che permette di garantire la sicurezza e la rapidità dell'intervento dei mezzi d'aiuto e di lotta anti-incendio e rafforzare la loro efficacia.
La commissione, inizialmente prevista il 17 marzo e rinviata alla domanda della parte italiana, si è tenuta questo giorno.
Ha proposto ai ministri italiani e francesi trasporti, basandosi sul parere dell'esperto esterno, una galleria di sicurezza di 8 metri.
Questa proposta segna la conclusione delle discussioni avviate da molti mesi con gli italiani.
Su richiesta della Francia, rispetta due principi:
1) non compromettere con la sicurezza;
2) non permettere un aumento della capacità del lavoro.
I costi di protezione del tunnel hanno vocazione ad essere compito degli utenti.
Dominic PERBEN desidera una costruzione rapida di questa galleria di sicurezza. Darà mandato, con il ministro italiano dei trasporti, alla CIG di fare realizzare entro la fine dell'anno gli studi operativi di questa galleria e di definire le modalità di finanziamento dei lavori da parte degli utenti.
Affinché queste modalità di finanziamento non inducano un riporto di traffico sugli altri passaggi alpini, la Francia studierà, in collegamento con i paesi vicini, le misure da mettere atto sugli assi interessati ed in particolare sulle vie d'accesso al tunnel del Monte Bianco ed al passaggio di Ventimiglia.

nota: interessante che sia richiesto che un tunnel di sicurezza non comprometta la sicurezza.

nota2: sarebbe molto molto interessante sapere chi è l'esperto esterno che ha suggerito (e che li ha convinti) gli 8 metri di larghezza quando i francesi avevan sempre chiesto che fosse di 5.

 







Questo Articolo proviene da NO TAV
http://www.notav.eu/nuke/

L'URL per questa storia è:
http://www.notav.eu/nuke//modules.php?name=News&file=article&sid=2454