Rischi e perplessità connessi alla tregua olimpica
Data: Friday, 09 December @ 08:55:54 CET
Argomento: Quello che i politici dicono sul Tav


L'ipotesi della tregua olimpica rilanciata da Carena, che effettivamente si trova nel difficilissimo ruolo di mediatore fra le parti, può essere apprezzata e condivisa.

Condividiamo però anche i dubbi e le perplessità al riguardo e ci domandiamo: non sarà l'occasione per riuscire...



A intortare nuovamente l'opinione pubblica sminuendo la pericolosità ambientale dell'opera, specialmente per quanto riguarda Torino

A convincere Bruxelles, grazie anche all'appoggio di Prodi, a finanziare comunque l'opera, nonostante il palese spreco di denaro

A gonfiare le cifre relative al traffico merci, con la consueta burattinata di una commissione di esperti convocati ad hoc

A convincere quegli elettori della Lega Nord che iniziano a domandarsi:

ma perché se noi ci battiamo da anni contro lo spreco di denaro pubblico, dovremmo appoggiare un'opera che invece di costare 1 miliado di euro ne costa 12 da regalare alla CMC, a Lunardi, alle lobby industriali e agli amici del Mortadella?



e poi

A convincere quegli elettori di Forza Italia che iniziano a domandarsi: Silvio, perché coi soldi pubblici finanzi le opere volute dal Mortadella, e le coop dell'Emilia?

A gettar acqua sul fuoco sulla polemica Pisanu Lunardi. Dopo che Pisanu ha fatto capire al suo amico... perché ci devo rimettere io la faccia per gonfiarti il portafogli?

A mettere ulteriormente a tacere le inchieste che pendono sui soggetti legati alla tav

A zittire anche gli ambientalisti francesi, che sono incazzati ma non lo possono dire

Ad arrivare alla campagna elettorale in clima di pace senza dire chiaro e tondo chi c'è dietro gli interessi economici dei partiti...

A consentire a qualcuno dei portatori di interesse in Torino2006 di imbastire un piano di comunicazione sulla bellezza della Val Susa da darci come contentino, in cambio del nostro silenzio...

...

Sono solo dubbi ovviamente... però, dato che in questo paese dovrebbe vigere la libertà di opinione, dato che alla stampa è consentito di tirarci fango addosso, ci si consenta almeno di esternare pacificamente i nostri dubbi.







Questo Articolo proviene da NO TAV
http://www.notav.eu/nuke/

L'URL per questa storia è:
http://www.notav.eu/nuke//modules.php?name=News&file=article&sid=1757