Menzogne sbugiardate!!!
Data: Saturday, 08 October @ 03:19:29 CEST
Argomento: I nostri commenti


Vi allego la lettera inviata da LTF e ricevuta lunedì scorso da un'abitante di Mompantero.



Come possiamo ben leggere tutti, in questa lettera  il sig. Comastri (rappresentante nella commissione rivalta di LTF), indagato dalla magistratura per turbativa d'asta e altri reati connessi, spiega che i carotaggi fatti nel comune di Mompantero per conoscere la composizione geologica delle rocce della valle, come richiesto dai tecnici della commissione Rivalta nell'interesse dei cittadini della valsusa, e non per la costruzione della Torino Lyon non sono quello che ci dicono la Bresso, Borioli, Esposito, Vallero, Ferrentino e gli altri sindaci favorevoli ai sondaggi ma in realtà: 
 
- sono parte della REALIZZAZIONE DEL NUOVO COLLEGAMENTO FERROVIARIO TORINO-LIONE, TRATTA ITALIANA DELLA PARTE COMUNE ITALO FRANCESE DELLA SEZIONE INTERNAZIONALE;
 
- sono indagini GEOGNOSTICHE, geofisiche, topografiche ed altre operazioni connesse;
 
- le autorizzazioni di esproprio e di accesso sono sempre quelle notificate il 25/11/2004 e il 6/4/2005 (ben prima dell'istituzione della commissione rivalta) e utilizzabili solo per la REALIZZAZIONE DEL NUOVO COLLEGAMENTO FERROVIARIO TORINO-LIONE, TRATTA ITALIANA DELLA PARTE COMUNE ITALO FRANCESE DELLA SEZIONE INTERNAZIONALE.
 
Almeno i nostri sindaci, a questo punto, dovrebbero convincersi che i sondaggi che ci propongono sono un trucco volgare per far accettare alla gente la nuova linea TORINO LIONE (per chi non se lo ricordasse il TAV) che loro sono strumentalizzati al fine di gabbare il popolo, e che la gente li riterrà responsabili di tradimento.
 
A questo punto è lampante, chiaro, inequivocabile anche per gli imbecilli, che dire SI  ai sondaggi vuol dire accettare l'inizio dell'opera alla faccia del NO TAV.
 
I sindaci:
- ci hanno detto che andavano ai giovedì del ferroviere per spiegare le nostre ragioni e il primo settembre scopriamo da una DELIBERA UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE che in realtà si sedevano (a loro insaputa?) ad un tavolo di concertazione per la linea alta velocità - alta capacità Torino Lyon;
 
- ci hanno detto che andavano a Roma a degli incontri al ministero delle infrastrutture e poi scopriamo che in realtà (a loro insaputa?) partecipavano alla preconferenza dei servizi per la costruzione della linea alta velocità - alta capacità Torino Lyon;
 
- ci hanno detto che i sondaggi sulla tratta internazionale erano sondaggi geologici che non c'entravano affatto con la linea alta velocità - alta capacità Torino Lyon, adesso scopriamo che anche questa è una penosa, grandissima e volgare bugia.
 
ADESSO BASTA!
 
Credo che i valsusini abbiano il diritto di non essere più presi in giro.
I sindaci che hanno cambiato idea e bandiera lo dicano chiaramente e smettano di nascondersi dietro le vecchie delibere NO TAV.
Gli altri seguano l'esempio degli amministratori di Bruzolo e senza perdere tempo rideliberino l'opposizione al TAV e l'opposizione ai sondaggi.
 
No TAV = No SONDAGGI.

Clicca sulla foto per leggerla ingrandita oppure cliccaci sopra con il tasto destro e poi seleziona "salva oggetto con nome" per salvarla sul tuo computer. 







Questo Articolo proviene da NO TAV
http://www.notav.eu/nuke/

L'URL per questa storia è:
http://www.notav.eu/nuke//modules.php?name=News&file=article&sid=172