delibera del CdI dell'Istituto Comprensivo di Sant'Antonino di Susa
Data: Wednesday, 30 November @ 09:26:00 CET
Argomento: Solidali alla lotta NO TAV in Val Susa


delibera del CdI dell'Istituto Comprensivo di Sant'Antonino di Susa sugli eventi in corso nella ValSusa e nella ValCenischia.

La stessa è stata inoltrata al Direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte.

Cordialmente Maurizio Scebba (Presidente del CdI)

N.B. Non usate questo indirizzo per sperire mail, è un indirizzo di servizio che non viene letto.

Eventuali contatti diretti telefonici al n. 3404123199 (Vodafone)
Per approfondimenti:
/

http://www.monicafrassoni.it/detail.php?id=1078

/modules.php?name=News&file=article&sid=1024

http://www.legambientevalsusa.it/

http://www.icscondove.it/appello_tav.rtf

o

http://www.icscondove.it/appello_tav.pdf

http://www.notavalmese.org/FOTOGRAFIE.htm

http://superprofet.altervista.org/appello_democrazia.pdf

http://superprofet.altervista.org/index.html

 

testo delibera:

Al Ministro dell’Università e Ricerca

Alla Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale
del Piemonte

Alle famiglie degli alunni

Ai Sindaci dei Comuni interessati

Ai Presidenti delle Comunità Montane

Al Presidente della Giunta Provinciale

Al Presidente della Giunta Regionale

Ai sindacati di Categoria

Agli organi di stampa

Oggetto: Delibera del Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto dell’Istituto Comprensivo di Sant’Antonino di Susa riunito in seduta ordinaria regolarmente convocata alla luce degli eventi accaduti nella notte tra il 28 e 29 e nella giornata del 29 novembre 2005, senza entrare nel merito politico della vicenda, esprime preoccupazione e sdegno per la militarizzazione della Valle di Susa ed il blocco della Val Cenischia.

Sono venuti meno alcuni diritti fondamentali costituzionalmente garantiti, tra i quali quello per gli studenti di recarsi a scuola e di ricevere un’istruzione ispirata ai valori di democrazia e solidarietà, e quello dei lavoratori di poter raggiungere il proprio posto di lavoro.

A fronte di proteste pacifiche degli abitanti della valle, esempio la manifestazione del 16 novembre 2005, la risposta degli organi di governo si è manifestata con una dura occupazione militare della valle e con atteggiamenti che non si conciliano con l’educazione alla legalità e alla nonviolenza.

Tale documento è approvato all’unanimità dai consiglieri presenti.

29/11/2005







Questo Articolo proviene da NO TAV
http://www.notav.eu/nuke/

L'URL per questa storia è:
http://www.notav.eu/nuke//modules.php?name=News&file=article&sid=1029