------|    Processo ai NoTav. La vendetta dello Stato - 2015-01-27 22:59:45    ||    Oulx - 4 Gennaio, proiezione di Qui di Daniele Gaglianone - 2015-01-03 16:26:05    ||    Francesco, Graziano e Lucio, annullata accusa terrorismo - 2014-12-29 16:51:21    ||    Incendio a Bologna 2014, 'caso risolto'. Strage di Bologna 1980: mandanti ignoti - 2014-12-26 10:07:02    ||    Lettera a Babbo Natale - 2014-12-26 09:04:38    ||    Il vero danneggiato dagli attentati ai treni è il movimento NoTav - 2014-12-24 16:00:26    |------

Consulta la storia del sito
Pagina iniziale  Connettiti Pagina iniziale  Downloads  Members Login  Submit News  Top 10  FAQ  Argomenti  Contattaci   
Documenti
150 brevi ragioni NoTav Valsusa
Tav: Le ragioni liberali del NO
Processo Tav
NotavTV
» MENU'
» CERCA
» MEMBRI
» CONTENUTI
» ALTRO
» STATISTICHE
Autofinanziamento
Comitato di solidarietà "DIAMO UN FUTURO DI SPERANZA AI NOSTRI RAGAZZI NICOLAS, LORENZO, STEFANO", costituito per i tre ragazzi di Novalesa che sono stati gravemente feriti dallo scoppio di un residuato bellico mentre lavoravano in un campo:
chi vuole contribuire con un versamento può utilizzare il conto intestato a Pezzoni Gilberto
bonifico bancario IBAN: IT79 Z076 0101 0000 0009 3438 463
oppure ccp 93438463
(chi effettua un postagiro indichi il conto n. 000093438463)
Autofinanziamento delle spese legali del movimento.
I nostri legali lavorano tutti in modo gratuito ma ciò nonostante i costi legali sono alti.

conto corrente postale:001004906838
IBAN IT22 L076 0101 0000 0100 4906 838
Intestato a PIETRO DAVY CEBRARI MARIA CHIARA.
Ultimi commenti

 Dal profilo facebook di Ferdinando Imposimato
  - di: Webmaster
  - 2014-12-24 19:25:49
 Il ministro Lupi: 'Ognuno guardi a casa propria'
  - di: Webmaster
  - 2014-04-29 07:45:15
 Proiettile ad Amprino: si accertino i mandanti.
  - di: Webmaster
  - 2014-04-17 19:35:45
 Re: Keynes in Valsusa: bignamino NoTav per non valsusini
  - di: mnf59
  - 2014-01-15 18:16:41
 Irreversibile, Architetto? di Luca Giunti
  - di: Webmaster
  - 2013-11-14 09:16:48
 ALTRA PUNTATA NEL TEATRINO DEL CANTIERE
  - di: Webmaster
  - 2013-11-13 08:12:00

Ultimi 40 Commenti

Lica x WL
Video

Elisio Elisio Croce

Previsioni Meteo

Previsioni
 
Immagini Satellite
 
Previsioni Province
Valsusa e dintorni
Eppur si muove… la talpa fa notizia

dai media

Un’altra visita dai nomi altisonanti, altre strette di mano, altre immagini girate e mandate in onda con la dichiarazione che la talpa è all’opera, che i lavori proseguono a spron battuto, che il treno ad alta velocità è praticamente già lì che sbuffa e fermare proprio non si può. “È cosa viva!” Insomma un’altra parata di fasce tricolore che raccontano una realtà separata senza essere Castaneda, che pure non ha mai negato di vedere, grazie al peyote, cose che altri, senza peyote, non han visto mai. Ma in Val di Susa il peyote non cresce, e neanche si entra nel cantiere del Tav senza esser convinti della realtà che andrà poi raccontata, ancorché diversa da quella che occhi umani potrebbero constatare.



Quindi son cose che non possiamo raccontare, perché a noi la realtà piace così com’è, altrimenti scriveremmo favole o romanzi e, chissà, diventeremmo persino famosi.

Non possiamo scrivere che stamane la fresa non si muoveva e non si è mossa, e non si muoverà probabilmente prima di un altr’anno perché, operai assonnati, svogliati e appoggiati a qualsiasi cosa fuorché a un badile, dicono che la corrente non c’è. Persino il trenino che dovrebbe portar fuori lo smarino dal tunnel se ne resta fermo e pulito, lindo come in una pubblicità. La reclame di un buco.

Non possiamo descrivere il su e giù degli operatori dell’informazione che impedisce alla fresa di muoversi anche se lo volesse. Certo è che la testa della talpa si è già infilata dentro il buco, ma ancora, di muoversi non ne vuol sapere.

Non possiamo dire che il movimento No Tav e le sue bandiere sventolanti son stati tenuti a debita distanza dalle telecamere che spazzolavano l’amenità di un cantiere pacifico – meglio pacificato.

Non possiamo neanche immaginare come l’odierna kermesse sia servita da passerella a chi, alle passerelle avvezzo, pensa di essere al Festival cinematografico di Roma presentando ai sindaci d’oltr’Alpe il proprio film. Pellicola pronta da godere il 20 novembre, italiani e francesi insieme nella capitale, pronti a firmare un accordo senza opposizioni, perché davanti alla volontà dello Stato non c’è opposizione che tenga. Che sarebbe poi quella tenuta a debita distanza, per poter poi dire che di opposizione neppure l’ombra.

È vero. Tutto ciò non lo possiamo raccontare perché noi non c’eravamo.

Intanto per entrare in cantiere bisogna essere accreditati, ovvero è l’azienda che ha facoltà di scegliere chi accede a un’area in cui vengono spesi i denari dei contribuenti tutti. Diverso è l’essere al seguito di parlamentari che obbligano l’azienda ad aprire loro i cancelli. Non sarebbe la prima volta che la nostra troupe varca infatti i cancelli dell’Ltf. Tuttavia oggi non si può, l’accredito rilasciatoci da una testata nazionale non vale. Singolare che l’accredito sia subordinato a questioni di ordine pubblico, e chi l’ordine pubblico gestisce conosce bene queste cose: il cantiere è di Ltf, è cosa privata, e alla festa ci invita chi vuole.

Insomma, fino in val Clarea si può comunque andare. Al ponte in prossimità del cantiere, sopra il torrente Clarea, un plotone di PS sbarra la strada “secondo l’ordinanza prefettizia [eccetera eccetera] non si può passare”. Chiediamo di poter vedere l’ordinanza, e la routine prende il suo lento corso: trasmissione via radio, e passa del tempo; “fate venire del personale digos”, e passa del tempo; il personale sopraggiunge, e passa del tempo; “si può”, “non si può”, e passa del tempo; saremmo lì per fare informazione, si spiega; mostriamo i tesserini da inviati reporter, e i funzionari finalmente decidono che vale la pena scortarci dal ponte sino all’esterno del cantiere per filmare. Filmare, finalmente filmare, quando non ci sarebbe più niente da filmare.

A volte basta poco, basta far passare del tempo e la realtà diventa un’altra cosa: quella che vuoi che sia raccontata, non quella che gli occhi vedrebbero.

La redazione di TgValleSusa

Postato il Tuesday, 12 November @ 23:38:17 CET di
 
Links Correlati
· Inoltre dai media
· News by notavsuper


Articolo più letto relativo a dai media:
Domenica a Susa

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

"Eppur si muove… la talpa fa notizia" | Login/Crea Account | 1 commento
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

ALTRA PUNTATA NEL TEATRINO DEL CANTIERE (Voto: 1)
di Webmaster il Wednesday, 13 November @ 07:12:00 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Splendida e calda mattinata oggi in Clarea, una vera accattivante cartolina per presentare al meglio una talpina desiderosa unicamente di iniziare il suo letargo e costretta, suo malgrado, a recitare una particina per avvallare il mantra che da giorni viene rimbalzato: “parte la talpa… parte lo scavo….parte la talpa…” E così tra la polvere del cantiere, l’affannarsi dei lavoratori, il consueto frastuono delle trivelle sono arrivati i giornalisti, gli amministratori italiani e francesi accompagnati dal pifferaio magico e sono entrati nella casa della talpina (sorpresa in pigiama perché ancora non è ultimato il suo abito da lavoro), hanno alzato occhi e nasi, impressionati da tanto volume, giungendo fino in fondo, per ammirarne la testa tutta ornata da “bigodini” scuri. Emozionata da tanta attenzione anche la talpina, ha trattenuto il fiato e non ha osato proferire neppure un piccolo fischio ma ha continuato il suo sonnellino in silenzio….. parte la talpa? Oggi proprio no, non se ne parla neppure….. strano che poi qualcuno abbia poi detto e scritto che aveva preso il via il suo lavoro…. Non ci sarebbero cascati in questo errore i soliti visitatori del no tav, tenuti oggi decisamente bloccati sul ponte della Clarea, troppo pericolosi seppure pochi pochi, troppo rumorosi in tante occasioni, troppo visibili con quelle bandiere al vento, troppo curiosi…. Che così in quell’avamposto di cantiere sono stati fermati fino a quando i visitatori accreditati non si sono allontanati dalla galleria…. E che diamine, questa è un’opera da tutti condivisa, un vero moloc a cui sacrificare cose meno importanti…. La democrazia, ad esempio…..
In questo cantiere dove muoiono i pesci, non volano gli uccelli, non parlano i militari con gli umani di fuori, vengono in visita persone in cerca di storie fantasiose mentre ci sarebbero storie ben più interessanti da scoprire….. tanti pani amari scambiati….
Non è questo il futuro che vogliamo…..

Gabriella
12 novembre 2013




I loghi ed i marchi registrati presenti su questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Le istruzioni per l'uso sono state realizzate con l'ausilio del manuale ufficiale italiano di phpNuke, scaricabile su www.spaghettibrain.com.
Contatti: webmaster @ notav . eu 338 17 414 67
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.25 Secondi

Theme by Dezina