------|    Processo ai NoTav. La vendetta dello Stato - 2015-01-27 22:59:45    ||    Oulx - 4 Gennaio, proiezione di Qui di Daniele Gaglianone - 2015-01-03 16:26:05    ||    Francesco, Graziano e Lucio, annullata accusa terrorismo - 2014-12-29 16:51:21    ||    Incendio a Bologna 2014, 'caso risolto'. Strage di Bologna 1980: mandanti ignoti - 2014-12-26 10:07:02    ||    Lettera a Babbo Natale - 2014-12-26 09:04:38    ||    Il vero danneggiato dagli attentati ai treni è il movimento NoTav - 2014-12-24 16:00:26    |------

Consulta la storia del sito
Pagina iniziale  Connettiti Pagina iniziale  Downloads  Members Login  Submit News  Top 10  FAQ  Argomenti  Contattaci   
Documenti
150 brevi ragioni NoTav Valsusa
Tav: Le ragioni liberali del NO
Processo Tav
NotavTV
» MENU'
» CERCA
» MEMBRI
» CONTENUTI
» ALTRO
» STATISTICHE
Autofinanziamento
Comitato di solidarietà "DIAMO UN FUTURO DI SPERANZA AI NOSTRI RAGAZZI NICOLAS, LORENZO, STEFANO", costituito per i tre ragazzi di Novalesa che sono stati gravemente feriti dallo scoppio di un residuato bellico mentre lavoravano in un campo:
chi vuole contribuire con un versamento può utilizzare il conto intestato a Pezzoni Gilberto
bonifico bancario IBAN: IT79 Z076 0101 0000 0009 3438 463
oppure ccp 93438463
(chi effettua un postagiro indichi il conto n. 000093438463)
Autofinanziamento delle spese legali del movimento.
I nostri legali lavorano tutti in modo gratuito ma ciò nonostante i costi legali sono alti.

conto corrente postale:001004906838
IBAN IT22 L076 0101 0000 0100 4906 838
Intestato a PIETRO DAVY CEBRARI MARIA CHIARA.
Ultimi commenti

 Dal profilo facebook di Ferdinando Imposimato
  - di: Webmaster
  - 2014-12-24 19:25:49
 Il ministro Lupi: 'Ognuno guardi a casa propria'
  - di: Webmaster
  - 2014-04-29 07:45:15
 Proiettile ad Amprino: si accertino i mandanti.
  - di: Webmaster
  - 2014-04-17 19:35:45
 Re: Keynes in Valsusa: bignamino NoTav per non valsusini
  - di: mnf59
  - 2014-01-15 18:16:41
 Irreversibile, Architetto? di Luca Giunti
  - di: Webmaster
  - 2013-11-14 09:16:48
 ALTRA PUNTATA NEL TEATRINO DEL CANTIERE
  - di: Webmaster
  - 2013-11-13 08:12:00

Ultimi 40 Commenti

Lica x WL
Video

5 5 dicembre 2008 TGR h 14

Previsioni Meteo

Previsioni
 
Immagini Satellite
 
Previsioni Province
Valsusa e dintorni
Lettera aperta a proposito dei fatti di Domenica 3 Luglio

I nostri commenti Sil ha scritto
"

Ho scritto questa lettera aperta a politici, giornalisti e testate. Se qualcuno ha qualche indirizzo di "personalità" cui possa inviarla, me lo faccia avere per favore e io scriverò. Grazie!

Mi chiamo Silvano Xxxxx e sono un cittadino, abitante della Valle di Susa, luogo ormai noto, ahimè, più come sinonimo di Tav che come bel territorio alpino dove fare qualche passeggiata in relax.
 
Come cittadino, sono preoccupato.


Il giorno dopo la manifestazione No Tav di Domenica 3 Luglio in Valle di Susa, sono preoccupato per la libertà degli italiani, costretti a ricevere un'informazione parziale, distorta e schierata. Gli italiani hanno visto in televisione scene di guerriglia con protagonisti due-trecento (forse) attivisti e centinaia di agenti. Gli italiani non hanno visto – o non è stato presentato loro nel modo corretto – il fiume delle decine di migliaia di persone che hanno sfilato pacificamente.
E agli italiani non sono state raccontate le ragioni che hanno portato migliaia e migliaia di famiglie sulle strade della Val di Susa per manifestare.
 
Sono preoccupato perché la rappresentazione che media e politici danno della realtà è scollata da quanto succede davvero. Partecipo ad una manifestazione No Tav, poi sento il servizio del TG di turno e non ritrovo nulla di quanto ho visto e sentito.
 
Sono preoccupato perché giornali, tv e politici ripetono il mantra che lega il movimento No Tav a black-block e anarco-insurrezionalisti, ricordando ogni giorno di più i proclami dei nazisti contro i “banditen” partigiani, volti soltanto a spaventare e fare dell'altro un “nemico”, una minaccia.
 
Sono preoccupato perché sul campo, sulla strada, nel corteo ho visto polizia e carabinieri incapaci di isolare i violenti. 
Sono preoccupato per la sicurezza di noi cittadini perché ho visto gli agenti attaccare indiscriminatamente. Ho visto una trentina (quindi per la questura erano in 3!) di attivisti cercare di forzare le barriere alla centrale idroelettrica, a fronte di migliaia e migliaia di donne, uomini, bambini che manifestavano tanto rumorosamente quanto pacificamente. E ho visto polizia e carabinieri colpire senza distinzione chiunque, con idranti e lacrimogeni sparati ad alzo zero. Ho visto lacrimogeni lanciati contro il presidio di pronto soccorso, sulle persone a oltre duecento metri dalla “zona calda”, dove c'erano famiglie con bambini. Ho visto la furia di forze dell'ordine in guerra contro i cittadini: decine e decine di lacrimogeni sparati sulla gente.
 
Sono preoccupato perché i miei figli sono ragazzi e si stanno formando, stanno maturando la loro idea di società, di legalità, di Stato. Ieri hanno respirato i gas irritanti dei rappresentanti della legge, loro che stavano ben lontani dagli scontri. Hanno visto la violenza vestita in divisa comportarsi come e peggio dei (pochi) violenti che stavano al di qua delle barricate erette a difesa del cosiddetto cantiere. Hanno sperimentato che non basta essere onesti e pacifici per non rischiare di essere colpiti e fatti oggetto di violenza da coloro che noi cittadini paghiamo per tutelare l'ordine e la legge.
 
Sono preoccupato perché ho visto poliziotti e carabinieri protetti da caschi, scudi, protezioni integrali del corpo, schierati dietro 3 barriere di ferro e cemento, sparare ad alzo zero lacrimogeni sulla gente.
 
Sono preoccupato perché poliziotti e carabinieri non solo non ne sono stati capaci, ma non si sono minimamente curati di isolare il gruppetto di violenti, sparando invece nel mucchio e innescando una tensione violenta fino a quel momento inesistente.
 
Sono preoccupato perché ho visto nei telegiornali immagini che ritraevano ragazzi tirare oggetti contro gli agenti, ma raccontavano solo il finale della scena: il resto, l'inizio (e io l'ho visto), era invece dato dal lancio folle di lacrimogeni, che poi i ragazzi avrebbero cercato di restituire al mittente.
 
Sono preoccupato perché ho sentito politici di quasi ogni parte politica condannare la violenza dei manifestanti, mentre se ne stavano seduti comodi in qualche poltrona; non sanno niente, non vedono niente, non ci sono mai e tranciano giudizi senza appello. Dovrebbero rappresentare i cittadini e non si accorgono neanche della loro esistenza. Domenica eravamo certamente almeno settantamila a manifestare pacificamente e risolutamente contro un'opera inutile e devastante: su questa folla, neanche una parola.
 
Sono preoccupato perché voi che avete le leve del potere concepite e vi occupate solo della violenza: vi accorgete di un centinaio di violenti a fronte di decine di migliaia di persone pacifiche e rispondete unicamente con la violenza di polizia e carabinieri, incapaci peraltro di gestire un ordine pubblico. Per voi non esiste altro. E quando commentate la giornata di domenica, parlate solo degli scontri, non fate riflessioni sul perché, sui contenuti, sulle ragioni delle donne e degli uomini (decine di migliaia!) che portavano la propria persona pacificamente a manifestare.
Come si fa a sentirsi rappresentati e tutelati da persone come voi?
 
Sono preoccupato perché ho imparato che le forze di polizia non distinguono e non proteggono: attaccano indiscriminatamente un'intera popolazione: forse per paura, forse per inadeguatezza, forse per qualche altro motivo peggiore... non lo so. Ma di certo li ho sentiti contro, li ho sentiti aggressori, li ho sentiti nemici nei miei confronti: io che non ho mai tirato una pietra o qualsivoglia altro oggetto.
 
Sono preoccupato perché alla fine degli scontri, alla centrale, ho visto poliziotti e carabinieri continuare a sparare decine di lacrimogeni sulla gente in fuga, li ho visti correre dietro i singoli rimasti isolati, li ho visti spaccare i resti delle tende e dei cartelli portati dalla manifestazione. Li ho visti lanciare ogni sorta di oggetto nel fiume, in spregio al territorio e di conseguenza alla gente che lo vive. Sono preoccupato perché ho visto atteggiamenti da esercito invasore, non da tutori dell'ordine.
E sono preoccupato perché questi atteggiamenti (che magari – chissà? - sono di singoli esagitati) non vengono mai stigmatizzati e perseguiti dalle gerarchie, tant'è vero che si ripresentano puntualmente. Questi non possono rappresentare lo Stato, il bene comune ed esserne tutori.
 
Sono preoccupato perché ho visto e sentito persone normali, tranquille, uscire esasperate e incattivite da quelle strade pregne di gas lacrimogeno: donne e uomini sfiduciati, amareggiati, traditi nel loro essere e sentirsi cittadini.
Così non si difende il bene pubblico, ma si violenta una società, creando lacerazioni e risentimento.
 
Sono preoccupato perché questa mia voce resterà con ogni probabilità inascoltata; e se fosse la voce di un singolo, sarebbe poca cosa. Ma invece resta inascoltata la voce di decine di migliaia di cittadini onesti, informati e pacifici.
 
Sono preoccupato perché il cantiere Tav si doveva fare solo “con il consenso” delle popolazioni interessate: in una valle di sessantamila abitanti, ieri avete avuto settantamila no. Cos'altro vi serve?
 
Sono preoccupato perché la scuola dei miei figli subisce tagli, il loro futuro è incerto e vedo avviare delle “grandi opere” da decine di miliardi di euro, con l'unica spiegazione che sono “strategiche”, senza uno straccio di dato ad avvalorare questa tesi.
 
Sono preoccupato perché se il mio stato, l'Italia, è disposto a militarizzare e attaccare un'intera popolazione per il “progresso”, allora abbiamo davanti anni bui, di paura e tensione.
Questo non è progresso.
E' follia.
E' antiStato.
 
Silvano Xxxxxxx – Villar Focchiardo (TO), 4 Luglio 2011

Nota di Webmaster: A questa lettera vorrei aggiungere, per chi ieri non c'era, il link ad un filmato dal titolo: La marcia NO TAV di Chiomonte vista da Francesco (9 anni) "

Postato il Monday, 04 July @ 19:14:33 CEST di
 
Links Correlati
· Inoltre I nostri commenti
· News by notavsuper


Articolo più letto relativo a I nostri commenti:
Domenica a Susa

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

"Lettera aperta a proposito dei fatti di Domenica 3 Luglio" | Login/Crea Account | 4 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: Lettera aperta a proposito dei fatti di Domenica 3 Luglio (Voto: 1)
di mati25 il Monday, 04 July @ 21:20:13 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
La tua lettera è bellissima.mi sento di dirti che è come se l'avesse scritta ognuno di noi.............grazie!



Re: Lettera aperta a proposito dei fatti di Domenica 3 Luglio (Voto: 1)
di alfrandy il Monday, 04 July @ 22:14:35 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
E' pura verità! Continuiamo ad avere tutti contro. Siamo in un regime assolutista! O sei con me o sei contro di me! Mi fanno tutti pena! Un giorno non lontano spero, tutta questa marmaglia la dovrà pagare con gli interessi! Evviva la perduta democrazia! Sempre NO TAV!



Re: Lettera aperta a proposito dei fatti di Domenica 3 Luglio (Voto: 1)
di dakomyd il Tuesday, 05 July @ 02:12:14 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
UNA NECESSARIA AUTOCRITICA CHE NON SI TRASFORMI IN DIVISIONE

Da partecipante esprimo il mio pensiero sul fatto che la manifestazione di ieri domenica 3 luglio 2011 non aveva obiettivi chiari e condivisi da tutti e questa -insieme alla brutalita' della polizia- e' la causa principale degli scontri che hanno contribuito a non dare una buona immagine della manifestazione di ieri.
Occorre un'autocritica seria e rapida che consenta di capire e di inventare soluzioni creative e piu' intelligenti per la mobilitazione che deve continuare.
Va respinta la trappola messa in atto anche oggi dal presunto amico Beppe Grillo, che porta a dividere noi manifestanti in "quelli che protestano legittimamente" e i "gruppi eversivi da condannare in ogni modo". Non credo che rischiamo di caderci in questa trappola, ma un'autocritica serve, perche' la popolazione valsusina deve rimanere compatta nel movimento.
Non ho compreso la strategia.
Se si voleva fare solo un corteo dimostrativo, colorato e festoso, non si doveva parlare di assedio e non si dovevano indicare concentramenti diversi da quelli principali e speculari di Chiomonte ed Exilles.
Se si voleva fare un assedio pacifico al cantiere, viceversa, ogni spezzone e ogni concentramento dovevano servire allo stesso obiettivo ed essere finalizzati a giungere in massa sul luogo del cantiere. Allora perche' dirottare e disperdere il grosso dei manifestanti in luogo inutile? Chi ha dato legittimita' ad ex amministratori dei Verdi, per esempio, di decidere da che parte doveva andare la gente?
Cosi' facendo, in sostanza disinteressandosi di tutti coloro che sono andati a Giaglione o alla Ramats, li si sono esposti al massacro da parte dei poliziotti -poi i media hanno comunque buon gioco a mostrare solo le immagini di qualche lancio di sassi...- e non si e' raggiunto l'obiettivo di un vero assedio perche' tantissimi, a quell'assedio, non hanno partecipato per niente. E per vincere, bisogna essere tanti, tutti.
Questo da' legittimita' alle Questure di turno e ai media di insultarci come stanno facendo?
Con la ridicola cifra di 7000 partecipanti o con quella dei 188 agenti feriti*?
No, la loro credibilita' si affossa sempre di piu' e bene ha fatto il giornalista di Al Jazeera a denunciare il criminale lancio di lacrimogeni ad altezza uomo.
Ma dobbiamo avere la capacita' di trarre lezioni dagli errori commessi.

Per finire, lasciatemi esprimere un moto di dolore al vedere che cosa e' diventato, con l'occupazione militare, il meraviglioso presidio che era la Libera Repubblica della Maddalena. E un augurio di guarigione ai ragazzi gravemente feriti o adirittura pestati dalla polizia dopo il fermo.

* Su
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-40afde05-1df3-423b-80ef-aa878fd94e89-tgr.html#p=0.
il tg3 dove viene intervistato il medico del CTO dove sono arrivati gli agenti feriti: parla di feriti lievi, con qualche abrasione, qualche contusione, stanchi (poverini, che pena) e disidratati per il gran caldo e intossicati dai gas lacrimogeni (da loro stessi lanciati!). Basta quel breve video a smontare tutta la balla dei 188 feriti.
Chi lo mette su youtube in tempo utile?




I loghi ed i marchi registrati presenti su questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Le istruzioni per l'uso sono state realizzate con l'ausilio del manuale ufficiale italiano di phpNuke, scaricabile su www.spaghettibrain.com.
Contatti: webmaster @ notav . eu 338 17 414 67
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.23 Secondi

Theme by Dezina