------|    Processo ai NoTav. La vendetta dello Stato - 2015-01-27 22:59:45    ||    Oulx - 4 Gennaio, proiezione di Qui di Daniele Gaglianone - 2015-01-03 16:26:05    ||    Francesco, Graziano e Lucio, annullata accusa terrorismo - 2014-12-29 16:51:21    ||    Incendio a Bologna 2014, 'caso risolto'. Strage di Bologna 1980: mandanti ignoti - 2014-12-26 10:07:02    ||    Lettera a Babbo Natale - 2014-12-26 09:04:38    ||    Il vero danneggiato dagli attentati ai treni è il movimento NoTav - 2014-12-24 16:00:26    |------

Consulta la storia del sito
Pagina iniziale  Connettiti Pagina iniziale  Downloads  Members Login  Submit News  Top 10  FAQ  Argomenti  Contattaci   
Documenti
150 brevi ragioni NoTav Valsusa
Tav: Le ragioni liberali del NO
Processo Tav
NotavTV
» MENU'
» CERCA
» MEMBRI
» CONTENUTI
» ALTRO
» STATISTICHE
Autofinanziamento
Comitato di solidarietà "DIAMO UN FUTURO DI SPERANZA AI NOSTRI RAGAZZI NICOLAS, LORENZO, STEFANO", costituito per i tre ragazzi di Novalesa che sono stati gravemente feriti dallo scoppio di un residuato bellico mentre lavoravano in un campo:
chi vuole contribuire con un versamento può utilizzare il conto intestato a Pezzoni Gilberto
bonifico bancario IBAN: IT79 Z076 0101 0000 0009 3438 463
oppure ccp 93438463
(chi effettua un postagiro indichi il conto n. 000093438463)
Autofinanziamento delle spese legali del movimento.
I nostri legali lavorano tutti in modo gratuito ma ciò nonostante i costi legali sono alti.

conto corrente postale:001004906838
IBAN IT22 L076 0101 0000 0100 4906 838
Intestato a PIETRO DAVY CEBRARI MARIA CHIARA.
Ultimi commenti

 Dal profilo facebook di Ferdinando Imposimato
  - di: Webmaster
  - 2014-12-24 19:25:49
 Il ministro Lupi: 'Ognuno guardi a casa propria'
  - di: Webmaster
  - 2014-04-29 07:45:15
 Proiettile ad Amprino: si accertino i mandanti.
  - di: Webmaster
  - 2014-04-17 19:35:45
 Re: Keynes in Valsusa: bignamino NoTav per non valsusini
  - di: mnf59
  - 2014-01-15 18:16:41
 Irreversibile, Architetto? di Luca Giunti
  - di: Webmaster
  - 2013-11-14 09:16:48
 ALTRA PUNTATA NEL TEATRINO DEL CANTIERE
  - di: Webmaster
  - 2013-11-13 08:12:00

Ultimi 40 Commenti

Lica x WL
Video

Infiltrazioni Infiltrazioni radioattive a Saluggia

Previsioni Meteo

Previsioni
 
Immagini Satellite
 
Previsioni Province
Valsusa e dintorni
FULVIA BANDOLI sulla questione TAV - Articolo per l'Unità

Quello che i politici dicono sul Tav m3 ha scritto
"

Articolo scritto da Fulvia Bandoli parlamentare Italiana DS del direttivo nazionale della Sinistra Ecologista.

Gestire i conflitti ambientali risulta sempre più complesso perché è aumentata la sensibilità delle popolazioni, perché il territorio è sempre più scarso e ferito da vari dissesti, ma anche perché ,a volte, si saltano importanti passaggi nella mediazione politica. Nel caso della Val di Susa andrebbe precisato che fino ad alcuni anni fa, in quella valle erano previste due infrastrutture molto pesanti dal punto di vista dell’impatto ambientale: il raddoppio della attuale autostrada e la tratta ferroviaria prevista dal progetto Tav. Era ovvio, per noi, che le due cose non potevano stare insieme, e che, se c’è da scegliere tra ferrovia e autostrada, noi in genere scegliamo sempre la ferrovia.



Ma sul progetto Tav le perplessità sui tracciati, sulle pendenze, sui chilometri da fare o no in galleria sono sempre state tante, e su tutte le tratte. Vogliamo forse negare che la tratta Roma –Bologna rispetto al progetto originale abbia subito nel corso degli anni cambiamenti radicali? Così come quella Roma - Napoli ? Questi cambiamenti sono stati il prodotto di analisi serie,confronti ravvicinati con i sindaci e le popolazioni, valutazioni di impatto ambientale che spesso hanno portato a scegliere altre soluzioni tecniche. Questa in sintesi estrema è la storia di ciò che abbiamo alle spalle sulla Tav, mentre per il futuro ancora non è chiaro se e in quale misura questa infrastruttura consentirà di liberare altri binari per le merci su ferro che sono invece un elemento strategico per modernizzare il sistema trasportistico italiano.

E veniamo alla Valle Susa. Dopo avere manifestato le loro perplessità i sindaci della valle e le comunità montane hanno chiesto alla regione e al governo di poter riaprire la discussione. Io ho lavorato perché il confronto si riaprisse e la commissione Rivalta era ed è la sede nella quale la trattativa doveva e deve svolgersi. Mi pare di poter dire che qualcosa, nel percorso democratico concordato, non ha funzionato. Governo e impresa di costruzione hanno voluto forzare le tappe e da qui sono nate le proteste delle ultime settimane. L’ordigno inesploso ritrovato due giorni fa nulla ha a che vedere con quei sindaci e con quelle popolazioni, anzi esso è prima di tutto un atto contro di loro perché apre la strada alla criminalizzazione di una protesta che si è sempre svolta in modo civile e democratico e il più delle volte dentro i consigli comunali.

Collegare la protesta o coloro che protestano democraticamente agli atti di intimidazione di matrice “terroristica” o ”anarco-insurrezionalista” o “ anarco-servizisegreti” è operazione pericolosa e inaccettabile. Oltre che non vera. Sarebbe come dire che il vescovo di Acerra che non vuole l’inceneritore nel suo comune e che ha partecipato a decine di scioperi e manifestazioni era ed è contiguo a quelle frange minoritarie che spesso si insinuano all’interno di movimenti spontanei e li utilizzano a scopi ben diversi di quelli originari.
A parte il fatto che ogni protesta andrebbe analizzata rispetto all’opera che viene proposta, alla sua utilità e fattibilità. Nel caso di Acerra, ad esempio, io credo che sia sbagliato opporsi, in Campania, alla costruzione di qualsiasi impianto di trattamento dei rifiuti, ma dire che gli impianti forse si possono fare di taglia media e non tutti concentrati nella piana di Acerra ( una delle aree più inquinate della Campania) o nelle immediate vicinanze… forse questi sono argomenti più seri che andrebbero discussi.
Ma ora vorrei porre a tutti noi un quesito. Se i sindaci e le popolazioni del Vajont avessero protestato contro la costruzione di quella maledetta diga - presentata come una delle sette meraviglie della modernità- forse alcuni giornali li avrebbero tacciati di essere antimoderni ma forse le imprese costruttrici e gli enti di controllo, sotto gli occhi attenta dei media, delle istituzioni e dei cittadini, avrebbero studiato con attenzione l’impatto della diga sulla valle, avrebbero messo tutto il cemento che serviva e il ferro che invece mancò ad armarlo, e noi non saremmo inorriditi davanti ad una delle stragi civili più tremende del dopoguerra.
Insomma non si possono criminalizzare sindaci , amministratori locali e popolazioni ma solo trattare e trattare ancora….senza farsi male. I sindaci e i cittadini della Valle Susa si sono dissociati chiaramente da questi atti intimidatori e li hanno stigmatizzati con una ferma condanna. Ora non si può usare quell’ordigno messo da mani ignote per dire…..”basta discutere, si facciano i lavori” come vanno dicendo esponenti di Forza Italia e di An in Piemonte. Ne andrebbe della democrazia che non può saltare alcun passaggio e che non deve farsi scavalcare dalle intimidazioni.

Un ultima riflessione su alcune “grandi opere pubbliche” e su di un malinteso concetto di modernità e di progresso. Che il Ponte sullo Stretto di Messina e le dighe mobili nella laguna di Venezia (Mose) siano due opere simbolo della modernità è argomento discusso da moltissime parti in causa: quando inizieremo a discuterne seriamente tra noi, nel centro-sinistra? Oppure devo pensare che per le opere sbagliate di questo governo non vale ciò che vale per altri provvedimenti? Le nostre priorità quando andammo al governo erano altre : riassetto idrogeologico, perché non affrontarlo ci costa cifre enormi e tante vite umane; il 20% in più di merci su ferro e mare, perché dobbiamo risparmiare energia; il rifacimento della rete idrica nel centro-sud ,perché disperdiamo il 30% dell’acqua. La situazione ci chiama a scegliere: per attuare le nostre priorità mettiamo in discussione Ponte e Mose….oppure siccome sono opere già in itinere ( anche se lontane ancora anni luce) portiamo a termine noi due opere discusse e discutibili e che non sono tra le nostre priorità? La modernità non c’entra nulla e questa parola viene spesso usata a sproposito. Per il mezzogiorno sarebbe moderno aprire i rubinetti e vedere scendere l’acqua tutti i giorni, avere ferrovie efficienti e strade praticabili accanto a reti di servizi al territorio e alle città finalmente funzionanti.

Un ponte mirabolante che congiunge due pezzi lenti e morenti del sistema trasportistico italiano non modernizza nulla. La presunta incapacità degli ecologisti a proporre alternative concrete è una menzogna con le gambe cortissime: noi ci assumiamo sempre l’onere della proposta quando contestiamo un’opera, noi non siamo ambientalisti fondamentalisti e la dimostrazione sono le tante battaglie fatte e vinte in tante parti d’Italia. Quasi sempre dietro i principali interventi sul territorio si intravede una ipotesi di sviluppo per il paese: che salvare le coste della Sardegna fosse un’idea diametralmente opposta all’ipotesi di sviluppo che per quell’isola aveva il centro destra è stato così chiaro che anche i cittadini della sardegna hanno capito e fatto vincere chi gli proponeva uno sviluppo duraturo e serio senza mettere a rischio la loro principale ricchezza. Oggi coloro che ritengono che la Tav in Valle Susa sia necessaria hanno loro l’onere della proposta rispetto a quale potrà essere il futuro modello di sviluppo per quelle popolazioni interessate dai lavori per quindici anni, e dovranno essere proposte convincenti perché il loro consenso non è un dettaglio. Così come rispondere alle domande sul tracciato e sulle eventuali alternative, sull’amianto, sulla sicurezza e sulla salute spetta sempre a coloro che sostengono il profilo strategico dell’opera.

Con i trucchi e con le forzature non si costruisce nulla di buono.

Fulvia Bandoli

"

Postato il Wednesday, 09 November @ 12:43:52 CET di
 
Links Correlati
· Inoltre Quello che i politici dicono sul Tav
· News by notavsuper


Articolo più letto relativo a Quello che i politici dicono sul Tav:
Domenica a Susa

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

"FULVIA BANDOLI sulla questione TAV - Articolo per l'Unità" | Login/Crea Account | 1 commento
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: FULVIA BANDOLI sulla questione TAV - Articolo per l'Unità (Voto: 1)
di m3 il Wednesday, 09 November @ 14:18:34 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio | Journal)

Voglio precisare che la diga del Vajont di ferro e cemento ne aveva da vendere, infatti è ancora là, bella in piedi. Erano le pendici delle montagne che finirono nel bacino sollevando un onda alta 200 mt che spazzò tutto e che uccise 2000 persone.

Questa è solo una puntualizzazione. Il succo è lo stesso quella diga non andava fatta lì, come il TAV non và fatto QUI'!!!





I loghi ed i marchi registrati presenti su questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Le istruzioni per l'uso sono state realizzate con l'ausilio del manuale ufficiale italiano di phpNuke, scaricabile su www.spaghettibrain.com.
Contatti: webmaster @ notav . eu 338 17 414 67
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.09 Secondi

Theme by Dezina