------|    Processo ai NoTav. La vendetta dello Stato - 2015-01-27 22:59:45    ||    Oulx - 4 Gennaio, proiezione di Qui di Daniele Gaglianone - 2015-01-03 16:26:05    ||    Francesco, Graziano e Lucio, annullata accusa terrorismo - 2014-12-29 16:51:21    ||    Incendio a Bologna 2014, 'caso risolto'. Strage di Bologna 1980: mandanti ignoti - 2014-12-26 10:07:02    ||    Lettera a Babbo Natale - 2014-12-26 09:04:38    ||    Il vero danneggiato dagli attentati ai treni è il movimento NoTav - 2014-12-24 16:00:26    |------

Consulta la storia del sito
Pagina iniziale  Connettiti Pagina iniziale  Downloads  Members Login  Submit News  Top 10  FAQ  Argomenti  Contattaci   
Documenti
150 brevi ragioni NoTav Valsusa
Tav: Le ragioni liberali del NO
Processo Tav
NotavTV
» MENU'
» CERCA
» MEMBRI
» CONTENUTI
» ALTRO
» STATISTICHE
Autofinanziamento
Comitato di solidarietà "DIAMO UN FUTURO DI SPERANZA AI NOSTRI RAGAZZI NICOLAS, LORENZO, STEFANO", costituito per i tre ragazzi di Novalesa che sono stati gravemente feriti dallo scoppio di un residuato bellico mentre lavoravano in un campo:
chi vuole contribuire con un versamento può utilizzare il conto intestato a Pezzoni Gilberto
bonifico bancario IBAN: IT79 Z076 0101 0000 0009 3438 463
oppure ccp 93438463
(chi effettua un postagiro indichi il conto n. 000093438463)
Autofinanziamento delle spese legali del movimento.
I nostri legali lavorano tutti in modo gratuito ma ciò nonostante i costi legali sono alti.

conto corrente postale:001004906838
IBAN IT22 L076 0101 0000 0100 4906 838
Intestato a PIETRO DAVY CEBRARI MARIA CHIARA.
Ultimi commenti

 Dal profilo facebook di Ferdinando Imposimato
  - di: Webmaster
  - 2014-12-24 19:25:49
 Il ministro Lupi: 'Ognuno guardi a casa propria'
  - di: Webmaster
  - 2014-04-29 07:45:15
 Proiettile ad Amprino: si accertino i mandanti.
  - di: Webmaster
  - 2014-04-17 19:35:45
 Re: Keynes in Valsusa: bignamino NoTav per non valsusini
  - di: mnf59
  - 2014-01-15 18:16:41
 Irreversibile, Architetto? di Luca Giunti
  - di: Webmaster
  - 2013-11-14 09:16:48
 ALTRA PUNTATA NEL TEATRINO DEL CANTIERE
  - di: Webmaster
  - 2013-11-13 08:12:00

Ultimi 40 Commenti

Lica x WL
Video

Il Il processo dell'acqua

Previsioni Meteo

Previsioni
 
Immagini Satellite
 
Previsioni Province
Valsusa e dintorni
Non raccontiamo Bali

Altri Problemi ed Iniziative bifidus ha scritto
"

IL FALLIMENTO DI BALI E IL SILENZIO DEI MEDIA
di Giulietto Chiesa da Epolis del 13-12-07
Bali è un bel posto per passarci le vacanze. Tra qualche tempo sarà più difficile arrivarci, per due motivi: il costo del biglietto, destinato a salire insieme al prezzo del petrolio, e la necessità di ridurre le emissioni di anidride carbonica, la qual cosa costringerà tutti a contingentare il numero dei voli aerei. Il caso ha voluto che Bali, precisamente la sua capitale Nusa Dua, siano stati in dicembre al centro di un evento che non cesserà di far parlare di sé nei prossimi anni: la conferenza mondiale sul riscaldamento climatico.


Che altro non è se non la riapertura del negoziato per far fronte alla scadenza dei protocolli di Kyoto, che avverrà nel 2012.
Pochi sanno cosa è accaduto a Bali, anche perchè i media mondiali hanno appena scoperto il riscaldamento del clima e, invece di dare informazioni decenti al grande pubblico, stanno trasformando il problema in gossip planetario e in sensazionalismo imbecille.
Invece sarebbe opportuno che i miliardi di cittadini del mondo sapessero che a Bali non si è deciso niente. Notizia agghiacciante, da prima pagina, se vivessimo in un mondo normale, non drogato dalla necessità di consumare all'impazzata.
Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki Moon, ha riassunto con queste parole: «La situazione è così disperatamente seria che ogni ritardo rischia di farci superare il punto di non ritorno, oltre il quale i costi ecologici, finanziari e umani cresceranno in forme drammatiche».
Avete visto qualcosa del genere in tv? No, certamente, perchè la tv è il luogo principale da cui fuoriesce il fiume di inviti a consumare; e ripetere quello che dice Ban Ki Moon equivarrebbe a spiegare “l'inconcepibile", e cioè che questo nostro modo di vita è diventato insostenibile. Cioè, in altri termini, che l'attuale sviluppo capitalistico è divenuto incompatibile con la vita su questo pianeta. Che è anche l'unico di cui disponiamo al momento, e dal quale non possiamo, per il momento, assentarci.
Circola tra gli scienziati una simpatica barzelletta. Due pianeti s'incontrano. Uno ha un'aria soddisfatta e salubre, sorridente e colorato. L'altro ha la faccia marrone, piena di bitorzoli puzzolenti, respira a fatica. «Come stai? - dice quello sano all'altro - ti vedo scuro in volto, che ti succede?» Il pianeta malandato sospira: «Vedi, sono pieno di questi parassiti che si chiamano uomini. Stanno sporcando tutto, mi affumicano l'aria, mi fanno crescere la febbre, abbattono le foreste, tirano fuori cemento e lo spargono dappertutto. Guarda come mi hanno butterato la faccia». L'altro ascolta, sempre sorridente: «Oh, non preoccuparti. Li avevo anch'io, ma me ne sono liberato».
"

Postato il Friday, 21 December @ 20:47:52 CET di
 
Links Correlati
· Inoltre Altri Problemi ed Iniziative
· News by notavsuper


Articolo più letto relativo a Altri Problemi ed Iniziative:
Domenica a Susa

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

"Non raccontiamo Bali" | Login/Crea Account | 1 commento
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

alternative (Voto: 1)
di bifidus il Sunday, 23 December @ 18:00:49 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
quella barzelletta mi fa venire in mente altre cose...

nei momenti di più profondo sconforto mi trovo a pensare che la razza umana, nel suo insieme, sia davvero un cancro del pianeta, vedo le città come vere e proprie metastasi

per dirla con il perfido Smith di Matrix (proprio nel momento in cui la volontà di Morpheus sembra ormai vacillare di fronte a quelle argomentazioni): tutti gli esseri viventi sulla Terra tendono al raggiungimento di un equilibrio, solo voi umani invece siete come un virus, vi insediate nell'organismo riproducendovi senza controllo fino a distruggerlo, anche se questo comporterà la distruzione anche di voi stessi.

Un punto di vista che porta a perdere ogni fiducia e speranza nella natura umana in sè stessa.

Per uscire da questi pensieri (ma non è un trucco, credo sia la verità) guardo a tutte le persone che non sono rese cieche dall'avidità e ottuse dalla voracità. Penso alle persone che lottano nonostante tutto contro la sopraffazione di quelli che si hanno il potere perchè usano scorciatoie, violando le regole e vogliono imporre a tutti (pur, credo, essendo in minoranza) la folle corsa verso il baratro.

Penso che proprio in questi tempi in cui si sta toccando con mano che il pianeta ha dei limiti ben definiti e che è necessario darci tutti assieme una regolata, le ragioni di quelli che credono che la soluzione possa trovarsi nella decrescita, nello sviluppo sostenibile avranno gradualmente maggiori possibilità di affermarsi.

In sintesi la posizione di quanti vogliono vivere in simbiosi con la Terra dovrà avere il sopravvento su quella di quanti vogliono vivere come virus. Fosse anche solo per il fatto che è più naturale.

Auguri di buone feste e No TAV




I loghi ed i marchi registrati presenti su questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Le istruzioni per l'uso sono state realizzate con l'ausilio del manuale ufficiale italiano di phpNuke, scaricabile su www.spaghettibrain.com.
Contatti: webmaster @ notav . eu 338 17 414 67
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.11 Secondi

Theme by Dezina