------|    Processo ai NoTav. La vendetta dello Stato - 2015-01-27 22:59:45    ||    Oulx - 4 Gennaio, proiezione di Qui di Daniele Gaglianone - 2015-01-03 16:26:05    ||    Francesco, Graziano e Lucio, annullata accusa terrorismo - 2014-12-29 16:51:21    ||    Incendio a Bologna 2014, 'caso risolto'. Strage di Bologna 1980: mandanti ignoti - 2014-12-26 10:07:02    ||    Lettera a Babbo Natale - 2014-12-26 09:04:38    ||    Il vero danneggiato dagli attentati ai treni è il movimento NoTav - 2014-12-24 16:00:26    |------

Consulta la storia del sito
Pagina iniziale  Connettiti Pagina iniziale  Downloads  Members Login  Submit News  Top 10  FAQ  Argomenti  Contattaci   
Documenti
150 brevi ragioni NoTav Valsusa
Tav: Le ragioni liberali del NO
Processo Tav
NotavTV
» MENU'
» CERCA
» MEMBRI
» CONTENUTI
» ALTRO
» STATISTICHE
Autofinanziamento
Comitato di solidarietà "DIAMO UN FUTURO DI SPERANZA AI NOSTRI RAGAZZI NICOLAS, LORENZO, STEFANO", costituito per i tre ragazzi di Novalesa che sono stati gravemente feriti dallo scoppio di un residuato bellico mentre lavoravano in un campo:
chi vuole contribuire con un versamento può utilizzare il conto intestato a Pezzoni Gilberto
bonifico bancario IBAN: IT79 Z076 0101 0000 0009 3438 463
oppure ccp 93438463
(chi effettua un postagiro indichi il conto n. 000093438463)
Autofinanziamento delle spese legali del movimento.
I nostri legali lavorano tutti in modo gratuito ma ciò nonostante i costi legali sono alti.

conto corrente postale:001004906838
IBAN IT22 L076 0101 0000 0100 4906 838
Intestato a PIETRO DAVY CEBRARI MARIA CHIARA.
Ultimi commenti

 Dal profilo facebook di Ferdinando Imposimato
  - di: Webmaster
  - 2014-12-24 19:25:49
 Il ministro Lupi: 'Ognuno guardi a casa propria'
  - di: Webmaster
  - 2014-04-29 07:45:15
 Proiettile ad Amprino: si accertino i mandanti.
  - di: Webmaster
  - 2014-04-17 19:35:45
 Re: Keynes in Valsusa: bignamino NoTav per non valsusini
  - di: mnf59
  - 2014-01-15 18:16:41
 Irreversibile, Architetto? di Luca Giunti
  - di: Webmaster
  - 2013-11-14 09:16:48
 ALTRA PUNTATA NEL TEATRINO DEL CANTIERE
  - di: Webmaster
  - 2013-11-13 08:12:00

Ultimi 40 Commenti

Lica x WL
Video

TGR TGR regionale - soppressione treni

Previsioni Meteo

Previsioni
 
Immagini Satellite
 
Previsioni Province
Valsusa e dintorni
La Stampa 28 mag 07: “crocifiggiamo le comunità montane”

Da Dove Arrivano i Soldi bifidus ha scritto
"

no, non è quello il titolo originale...
il senso sì però!!!

Titolo: MONTAGNA, OH CARA… E ORA ARRIVANO I TAGLI
Sottotitoli:
Lo scandalo delle comunità al livello del mare convince tutti a cambiare. Sono troppi i 355 centri di potere locale, costano 72 milioni l’anno.



Tante poltrone: le spese sono destinate in gran parte agli uffici e ai consiglieri
Meno due terzi: un’ipotesi di riduzione porterebbe da 12 mila a 4 mila gli eletti
Enti leggeri: il progetto è già allo studio del Governo; l’incontro già giovedì

Articolo di Paolo Baroni
Il caso di Palagiano e della Murgia Tarantina, la comunità montana pugliese che sta praticamente al livello del mare e conta cinque Comuni «non montani» su nove e ha dato il «là» al pamphlet di Sergio Rizzo e Gianantonio Stella sugli sprechi della politica, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. La riconferma che non si può più andare avanti così: troppe le 335 comunità montane, troppi enti inutili, troppe poltrone e troppe spese a fronte di pochi (per non dire nulli) vantaggi per i cittadini (non sarebbe forse il caso di lasciarlo decidere ai cittadini rappresentati da quelle comunità?). Da tempo sotto osservazione, attaccate e criticate da ogni parte come summa massima dello spreco e della mala-amministrazione all'italiana (ma chi l’ha detto???), per le Comunità montane è arrivata l'ora della verità. «Che sia scoppiato questo "scandalo" forse è un bene - ammette il presidente dell'Uncem, l'Unione delle comunità montane, il Dl Enrico Borghi - perché ci consente di uscire dal cono d'ombra e affrontare la questione. Ma attenti a scadere nel giacobinismo, a cercare capri espiatori. I costi della politica sono oggettivamente esorbitanti, sono convinto che vadano ridotti. Ma non in questo modo».
Magari avrà il sapore del pentimento tardivo (non mi sembra affatto un “pentimento”, termine che insinua una qualche colpa), ma comunque sia l'Uncem ha deciso di mettere nero su bianco un severo piano di tagli. Borghi ovviamente nega -com'è ovvio fare con le falsità! bravo Baroni, almeno su questo c'hai preso!!!- («sono ormai anni che proponiamo una riorganizzazione: posso produrre i documenti» spiega), fatto sta che chiamati a consulto dal governo, i vertici delle Comunità montane hanno elaborato alcune proposte per ridurre la loro fetta di costi della politica. Sono due le ipotesi che sono già state anticipate al ministro Giulio Santagata, che guida il gruppo di lavoro di Palazzo Chigi, e che verranno ufficializzate giovedì prossimo al tavolo convocato dal ministro per gli Affari regionali Linda Lanzillotta. (*) v. sotto
Una prima soluzione prevede toutcourt la riduzione di due terzi dei componenti degli organi delle Comunità montane (che scenderebbero da 12.800 a 4.300 consiglieri) con una spesa che si ridurrebbe dagli attuali 72 milioni di euro a 24, semplicemente portando da 3 ad uno solo il numero
dei rappresentanti designati da ogni singolo Comune e prevedendo che il presidente venga eletto dall'assemblea nell'ambito dei suoi componenti, mentre l'organo esecutivo (la giunta) dovrebbe venire nominato dal presidente nell'ambito dei componenti l'assemblea nella misura massima di un terzo arrotondato all'unità superiore.
La seconda ipotesi, più soft, prevede invece un taglio del 50%, da 12.800 a circa 7.500 consiglieri (e da 72 a 35 milioni di euro di spese) prevedendo consigli costituiti esclusivamente da amministratori dei Comuni membri composti da 30 consiglieri, più il presidente, per le comunità montane con popolazione montana superiore a 30 mila abitanti; 20 consiglieri, più il presidente, per le comunità
montane con popolazione montana superiore a 10 mila abitanti e 12 consiglieri, più il presidente,
per le comunità più piccole. E introducendo per tutti il divieto tassativo di cumulare le indennità. Borghi è convinto che questa, per quanto dolorosa, sia una strada percorribile. Però ci tiene anche a precisare che «le comunità montane pesano appena il 5% del costo della politica locale italiana: ovvero 72 milioni di euro a fronte dei 702 dei Comuni e dei 115 delle Province. Dati che poi non comprendono le municipalizzate, su cui si potrebbe discutere a lungo...». E quindi il loro non può certamente essere «un sacrificio» isolato.
«Il nostro progetto - prosegue il presidente dell'Uncem - punta a definire una nuova normativa nazionale per il settore che produca una revisione complessiva del concetto di "montanità". Vogliamo creare degli enti leggeri, con funzioni certe legate al territorio in maniera tale da fare da supporto soprattutto ai Comuni più piccoli, evitando assolutamente di istituire una quarto livello di governo che si aggiunge a Comuni, Province e Regioni». Oltre che quello dei consiglieri e degli assessori si cercherà anche di ridurre il numero delle comunità montane, introducendo soglie minime di abitanti e spingendo per far aggregare le realtà più piccole. Esempi? «La montagna del Piemonte non è la montagna della Campania e non è quella della Puglia - sostiene Borghi -: in Piemonte ci sono 48 comunità montane e io sostengo che sono troppe. Ne bastano 25, mentre in Puglia anziché 6 ce ne dovrebbero essere due». E ovviamente si punterà a cancellare quelle «false», come quella di Palagiano, rimediando ad una vera e propria «distorsione dell'applicazione del Titolo V della Costituzione per cui ogni Regione, in assenza di una normativa statale adeguata, fino ad ora ha fatto come meglio credeva».
Missione impossibile? «Assolutamente no - risponde il presidente dell'Uncem -. Basta distinguere tra montagna geografica e montagna legale. La prima copre il 33% del territorio, la seconda il 54% e già in questo modo si potrebbe arrivare a sfoltirne molte. Ma per favore nessuno parli più di superare le comunità; a noi per funzionare basta una buona riforma».




Certo 72 milioni risparmiati per quello stesso ricco Governo che vuol spender fior di miliardi per la costruzione della base di Vicenza, gli F-35 a Cameri, il MOSE, l’Afghanistan e il TAV (di cui è appena stata dimostrata la "positività" del bilancio costi- benefici da Rémy Prud’Homme) dev’essere davvero di IMPORTANZA STRATEGICA!!!

Nota: il corsivo non faceva parte dell'articolo originale

(*) a proposito di Linda Lanzillotta:

1) Dal discorso pronunciato in occasione della “Giornata internazionale della Montagna” (9-11 dicembre 2006): "La nostra presenza qui, nel cuore delle Alpi, nel cuore delle Dolomiti, è segno di una volontà di ripresa da parte del Governo di un forte impegno per la montagna. Non si tratta di una celebrazione di tipo retorico: al contrario questa giornata intende parlare e mostrare le grandi ricchezze della montagna: nonostante i problemi, negli ultimi otto anni il Pil delle aree montane italiane è cresciuto mediamente di più rispetto alle altre zone. Le grandi risorse della montagna, ad esempio l’acqua, l’energia, i minerali e la pietra, fin’ora sono state solo conferite dalla montagna, spesso senza un reale coinvolgimento e interesse delle popolazioni residenti.(…) Occorre inoltre riconsiderare la posizione geografica e geopolitica delle Alpi( ma anche degli Appennini), un tempo al margine ed oggi al centro di un’Europa che ricerca nuovi importanti assi di comunicazione ovest-est e nord-sud. Le montagne sono oggi sempre più al centro dell’economia e del sociale.(…) Certo la valorizzazione economica e turistica della montagna non può essere a discapito delle politiche per l’ambiente: occorre mantenere l’identità della montagna e delle Alpi come base per l’avvio di una riflessione alla ricerca di un nuovo modello di sviluppo e di una nuova prospettiva per questi territori" (segue…)
- vedi http://www.cai.it/docs/news/000004443.doc  -



2) Le eccezioni incostituzionali del disegno di legge del Ministro Linda Lanzillotta “Delega al Governo per il riordino dei servizi pubblici locali”
vedi http://www.saronnoinrete.it/opinioni/2007/20070310.htm  

"

Postato il Tuesday, 29 May @ 17:45:05 CEST di
 
Links Correlati
· Inoltre Da Dove Arrivano i Soldi
· News by notavsuper


Articolo più letto relativo a Da Dove Arrivano i Soldi:
Domenica a Susa

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

"La Stampa 28 mag 07: “crocifiggiamo le comunità montane”" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati


I loghi ed i marchi registrati presenti su questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Le istruzioni per l'uso sono state realizzate con l'ausilio del manuale ufficiale italiano di phpNuke, scaricabile su www.spaghettibrain.com.
Contatti: webmaster @ notav . eu 338 17 414 67
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.12 Secondi

Theme by Dezina