------|    Processo ai NoTav. La vendetta dello Stato - 2015-01-27 22:59:45    ||    Oulx - 4 Gennaio, proiezione di Qui di Daniele Gaglianone - 2015-01-03 16:26:05    ||    Francesco, Graziano e Lucio, annullata accusa terrorismo - 2014-12-29 16:51:21    ||    Incendio a Bologna 2014, 'caso risolto'. Strage di Bologna 1980: mandanti ignoti - 2014-12-26 10:07:02    ||    Lettera a Babbo Natale - 2014-12-26 09:04:38    ||    Il vero danneggiato dagli attentati ai treni è il movimento NoTav - 2014-12-24 16:00:26    |------

Consulta la storia del sito
Pagina iniziale  Connettiti Pagina iniziale  Downloads  Members Login  Submit News  Top 10  FAQ  Argomenti  Contattaci   
Documenti
150 brevi ragioni NoTav Valsusa
Tav: Le ragioni liberali del NO
Processo Tav
NotavTV
» MENU'
» CERCA
» MEMBRI
» CONTENUTI
» ALTRO
» STATISTICHE
Autofinanziamento
Comitato di solidarietà "DIAMO UN FUTURO DI SPERANZA AI NOSTRI RAGAZZI NICOLAS, LORENZO, STEFANO", costituito per i tre ragazzi di Novalesa che sono stati gravemente feriti dallo scoppio di un residuato bellico mentre lavoravano in un campo:
chi vuole contribuire con un versamento può utilizzare il conto intestato a Pezzoni Gilberto
bonifico bancario IBAN: IT79 Z076 0101 0000 0009 3438 463
oppure ccp 93438463
(chi effettua un postagiro indichi il conto n. 000093438463)
Autofinanziamento delle spese legali del movimento.
I nostri legali lavorano tutti in modo gratuito ma ciò nonostante i costi legali sono alti.

conto corrente postale:001004906838
IBAN IT22 L076 0101 0000 0100 4906 838
Intestato a PIETRO DAVY CEBRARI MARIA CHIARA.
Ultimi commenti

 Dal profilo facebook di Ferdinando Imposimato
  - di: Webmaster
  - 2014-12-24 19:25:49
 Il ministro Lupi: 'Ognuno guardi a casa propria'
  - di: Webmaster
  - 2014-04-29 07:45:15
 Proiettile ad Amprino: si accertino i mandanti.
  - di: Webmaster
  - 2014-04-17 19:35:45
 Re: Keynes in Valsusa: bignamino NoTav per non valsusini
  - di: mnf59
  - 2014-01-15 18:16:41
 Irreversibile, Architetto? di Luca Giunti
  - di: Webmaster
  - 2013-11-14 09:16:48
 ALTRA PUNTATA NEL TEATRINO DEL CANTIERE
  - di: Webmaster
  - 2013-11-13 08:12:00

Ultimi 40 Commenti

Lica x WL
Video

Servizio Servizio sulla Val di Susa (alta risoluzione)

Previsioni Meteo

Previsioni
 
Immagini Satellite
 
Previsioni Province
Valsusa e dintorni
SARA' DURA!!! di mentire sempre....

Li sbugiardiamo? Hani ha scritto
"

TG5 - la voce del padrone-bugiardo
Dopo aver sentito il notiziario del mattino di TG5, stamattina venerdì del 9.dicembre 05, eccomi qui con le "mie notizie", quelle vere, la storia vissuta in prima persona, documentata con le immagini fatte da me o messe a disposizione da un amico presente anche lui alle manifestazioni del NO TAV.
TG5: "Ieri alla manifestazione presenti 1000 appartenenti alle frange violente no-global arrivati da tutta Italia, hanno dato via alla guerra
contro le forze dell'ordine, ferendo 17 tra poliziotti e carabinieri..."





Hani-NO-TAV, presente in diretta: Ieri alla manifestazione pacifica presenti c.a 100.000
persone, oltre ai 60.000 tranquilli abitanti della Valsusa erano arrivati manifestanti da Firenze, Napoli, Venezia e persino dalla Calabria - con figli anche piccoli per mano o nel passeggino (cosa
che io personalmente non approvo, lasciando a casa anche il nostro cane, dopo le inaudite violenze compiute dai soldati dello stato nella notte del 6.dicembre contro un piccolo gruppo di anziani e donne inermi: non mi fiderò mai più, da cittadina onesta e pacifica, delle cosìdette "Forze DELL'ORDINE" se armate di casco, scudo e
manganello!). Camminavamo tutti in modo composto da Susa verso Venaus (c.a 4-5 km di marcia a piedi, dipendeva da dove si era
riusciti a parcheggiare la propria auto), accompagnati dai canti folkloristici dei valligiani e dal ritmo (fantastico e irresistibile!) del gruppo "APPEL - tamburi e suoni contro tutte le guerre". Desidero ringraziare ancora questo gruppo fantasioso di ragazzi (ma non solo) splendidi ed instancabili, che con i loro tamburi ed altri strumenti fantasiosi e con le danze scatenate e coinvolgenti hanno accompagnato i nostri passi dal mattino alla sera, e senza i quali sarebbe stata ancora molto più dura resistere alla stanchezza e allo sfinimento. GRAZIE APPEL!
Raggiunta la ormai famosa curva chiamata Passeggeri, dove ormai da troppi giorni i poliziotti bloccano libero accesso ai cittadini che
non possono dimostrare, documenti a mano, di essere residenti a Venaus, Novalesa e Mompantero e impedendo quindi l'accesso al
presidio NO TAV della PRO LOCO VENAUS sito a 2km più giù a valle, violando così palesemente i Principi Fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana articolo16:

"Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche."

...Presidio NO TAV l'altra notte distrutto dai soldati, mentre i nostri vecchi dormivano all'interno - voglio ricordare che queste persone sono state chiamate ad uscire, e dopo aver ubbidito, con le mani nude alzate sopra la testa (c'erano anche dei vecchi partigiani della
seconda guerra mondiale che avevano già difeso questa Valle da un altro invasore, allora era il tedesco...questa volta, tristemente, lo stesso
stato italiano) si sono presi le manganellate in testa ed in faccia, come dimostra non solo il filmato-shock più volte trasmesso (ma ormai tabù - i vari tg non lo fanno vedere più, almeno non senza aver adoperato i soliti tagli di scene più incriminanti per i militari in azione contro gente priva di alcun oggetto di offesa) - e manganellate nello stomaco, i soldati hanno preso i nostri vecchi a calci negli stinchi e manganellate nel costato e sulle braccia. ...Tra i feriti quella notte il reporter della Repubblica e il giornalista-fotografo di Torino Cronaca, e quindi l'attacco dei poliziotti alle tre del mattino (ora dei ladri ed assassini, come la storia ci insegna) era tutt'altro che "un regolare ripristino della legalità" come
vorrebbero farvi credere con le loro dichiarazioni Berlusconi, appoggiato dai suoi soliti servi del Regime militare come Pisanu, Lunardi, Alfredo Mantovano AN ecc. e non per ultima la presidente della Regione Piemonte Mercedes Bresso...la ormai soprannominata "madama bresso" che venne nella Valle di Susa per raccogliere voti e consensi, dichiarandosi apertamente contro la TAV in Valle di Susa, e quindi la più infame di tutti, una traditrice che ora ride in faccia ai sindaci valsusini e abitanti preoccupati, che l'avevano votata fiduciosi....
Un regime militare tipo Tschautschescu si è ormai instaurato almeno qui in Piemonte, nella nostra già così ferita e violentata Valle di Susa!
Alla curva Passeggeri sopra Venaus erano già schierati i militari in assetto da guerra - casco blu con visiera, scudo e manganello
pronto in mano...vi assicuro che vederli così, fa venire prima i brividi di paura e poi di rabbia...la rabbia che ti cresce dentro, al pensiero
"ma contro chi stanno facendo la guerra? contro di me, invece di catturare i mafiosi, spacciatori di droga, rapinatori a mano armata e violentatori di donne che ormai agiscono tranquilli e indisturbati ad ogni ora anche di giorno ormai?"...
Prima, i nostri sindaci e assessori comunali hanno cercato un accordo con i comandanti in uniforme da guerra, per far passare il corteo, in modo da poter raggiungere il sito del presidio NO TAV distrutto, per ripristinare la sede del nostro comunque pacifico movimento.
Inutilmente. Le trattative andavano avanti, mentre due elicotteri - carabinieri e polizia - sorvolavano minacciosamente a bassa quota il corteo lungo alcuni chilometri, rendendosi conto che anche stavolta "SARA' DURA", molto dura, la risposta della valle violentata e disprezzata
dal governo di questa repubblica di banane ormai alla frutta.....(mi sono permessa questo stacchetto per rilassarmi mentre sto scrivendo, i ricordi di ieri e il tg5 e anche rai3 di oggi (!) mi hanno resa meno ottimista e gioiosa del mio solito...la frutta normalmente mi rende felice, ma non nel contesto sopraccittato...).
Ma stavolta eravamo decisi di non arrenderci, ritenendo inaccettabile la risposta di sempre "NO! qui non si passa, sgomberate la strada!"
del comandante. La gente si stanca, tenere sempre abbassata la testa.
L'arroganza dei militari ha esasperato gli animi, le teste della gente a viso aperto si sono alzate - e sono volate le prime manganellate,
dritte in faccia. La prima a dover ricorrere alle cure mediche per i colpi di manganello in pieno viso (come la ragazza al presidio di altra notte ...sembra che piace ai nostri soldati menare le donne disarmate!) era stata Nicoletta Dosio, insegnante, segretaria del circolo Prc di Bussoleno e la storica, anzi la prima no-tav della Valle di Susa.
Dopo il primo scontro corpo a scudo nelle prime file, i nostri sindaci si sono messi in mezzo e come sempre hanno calmato gli animi (scaldati ed esasperati) dei manifestanti - ricordiamo bene, arrivati in testa ad un corteo pacifico di c.a 100mila persone, bambini ed anziani come sempre compresi.
Isolati in seguito alle provocazioni i singoli provocatori incappucciati e armati di bastone, individuati poi come appartenenti alle solite frange violente mandate in mezzo ai NO TAV da chi invece è favorevole alla linea da noi contestata.
Io con una parte del corteo, abbiamo quindi scelto di percorrere un'altra via, salendo più su e dalla montagna siamo scesi sul sentiero detto "dei cinghiali", sfidando il fango ghiacciato dandoci la
mano, letteralmente, nei passaggi più insidiosi e scivolosi, fino a giungere sul prato destinato ai scavi della TAV, rioccupando questi terreni, dai quali la polizia, visto il numero dei manifestanti, si era ritirata dopo averci lanciato contro i fumogeni, nel ridicolo tentativo di disperdere decine di migliaia di persone. Il vento-amico sempre
presente in questa valle ha velocemente disperso in aria le nuvole grigie del fumo, e quando l'aria è ridiventata limpida, i soldati si erano già ritirati, facendomi pensare alle piovre...quelle che
scappano, nascoste nella nuvola di inchiostro lanciato contro un nemico - vero o presunto.
Eravamo in 100mila sul prato di Venaus.....se fossimo stati come ci chiama il premier Berlusconi "una banda di anarco-insurrezionalisti", o "terroristi, anarchici e soliti no-global",
l'epiteti affibbiatici dal cane di berlusca, emilio fede (nota il minuscolo) senza offendere i cani e la nostra cana-foxterrier Alice (nota il maiuscolo), allora finiva male, ma veramente male per i
militari presenti nella vallata in quel momento! Avremmo contato sicuramente i morti anche noi, ma si sarebbe vista una guerra vera...non quella che ci hanno lanciato i media, manipolati e tristemente castrati dal governo militare-fascista che stiamo subendoci in questi tempi bui per il popolo italiano......

Secondo il tg5, ci sono stati "17 militari, tra i carabinieri e la polizia, feriti dai bastoni e sassi lanciati, e nessun manifestante all'ospedale".
La7 alla stessa ora parlava di "4 militari e un numero imprecisato di manifestanti feriti dai manganelli".
Io non so nulla dei militari contusi, non ne ho visto ferito nemmeno uno - ma può essere, non nego che posso non aver visto bene oltre il muro di scudi con la scritta "POLIZIA" e "CARABINIERI".
Ma ciò che ho visto benissimo, e fotografato, era la nostra Nicoletta Dosio con il viso insanguinato, completamente ignorata da tutti i telegiornali!!!!! E non era la sola ferita e sanguinante, ma solo la più fotografata, perchè la insegnante Nicoletta Dosio è la nostra bandiera, il baluardo della protesta NO TAV più pacifica ma ferma sulle proprie posizioni da ben 12 anni contro il tunnel lungo 54 km con la conseguente distruzione totale dell'ambiente valsusino e della salute degli abitanti.

In questa epoca di videocamere facili da usare anche per i meno competenti "videoreporter" (la sottoscritta compresa), con le ma foto digitali e persino i videotelefonini in mano sopratutto a dei più giovani presenti, sarà dura per chi racconta le solite balle al popolo, SARA' DURA per i predicatori di presunta legalità di dimostrare il contrario da ciò che raccontano chi era presente alle manifestazioni!!!

Con la buona pace dei giornalisti asserviti al regime, diffamatori e bugiardi.
Facendo con questo il verso ai proclami di ministro Lunardi.
Arrogante, Lunardi dice:"La TAV in Valsusa si farà, con la buona pace dei abitanti!"
Beh...credo che sua moglie, azionista della dita di costruzioni incaricata per bucare le nostre montagne, avrà un amara delusione, prima o poi......
Hana

"

Postato il Friday, 09 December @ 20:16:44 CET di
 
Links Correlati
· Inoltre Li sbugiardiamo?
· News by notavsuper


Articolo più letto relativo a Li sbugiardiamo?:
Domenica a Susa

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

"SARA' DURA!!! di mentire sempre...." | Login/Crea Account | 3 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: SARA' DURA!!! di mentire sempre.... (Voto: 1)
di DomenicoSchietti il Friday, 09 December @ 20:56:14 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio | Journal)
Brava, l'ho letto volentieri sino in fondo, fa piacere leggere testimonianze così sentite. Grazie.



Re: SARA' DURA!!! di mentire sempre.... (Voto: 1)
di yoplait il Saturday, 10 December @ 08:13:25 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Un messaggio per Lunardi: La TAV in Val di Susa NON si fara', si metta l'anima in pace.




I loghi ed i marchi registrati presenti su questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Le istruzioni per l'uso sono state realizzate con l'ausilio del manuale ufficiale italiano di phpNuke, scaricabile su www.spaghettibrain.com.
Contatti: webmaster @ notav . eu 338 17 414 67
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.23 Secondi

Theme by Dezina