------|    Processo ai NoTav. La vendetta dello Stato - 2015-01-27 22:59:45    ||    Oulx - 4 Gennaio, proiezione di Qui di Daniele Gaglianone - 2015-01-03 16:26:05    ||    Francesco, Graziano e Lucio, annullata accusa terrorismo - 2014-12-29 16:51:21    ||    Incendio a Bologna 2014, 'caso risolto'. Strage di Bologna 1980: mandanti ignoti - 2014-12-26 10:07:02    ||    Lettera a Babbo Natale - 2014-12-26 09:04:38    ||    Il vero danneggiato dagli attentati ai treni è il movimento NoTav - 2014-12-24 16:00:26    |------

Consulta la storia del sito
Pagina iniziale  Connettiti Pagina iniziale  Downloads  Members Login  Submit News  Top 10  FAQ  Argomenti  Contattaci   
Documenti
150 brevi ragioni NoTav Valsusa
Tav: Le ragioni liberali del NO
Processo Tav
NotavTV
» MENU'
» CERCA
» MEMBRI
» CONTENUTI
» ALTRO
» STATISTICHE
Autofinanziamento
Comitato di solidarietà "DIAMO UN FUTURO DI SPERANZA AI NOSTRI RAGAZZI NICOLAS, LORENZO, STEFANO", costituito per i tre ragazzi di Novalesa che sono stati gravemente feriti dallo scoppio di un residuato bellico mentre lavoravano in un campo:
chi vuole contribuire con un versamento può utilizzare il conto intestato a Pezzoni Gilberto
bonifico bancario IBAN: IT79 Z076 0101 0000 0009 3438 463
oppure ccp 93438463
(chi effettua un postagiro indichi il conto n. 000093438463)
Autofinanziamento delle spese legali del movimento.
I nostri legali lavorano tutti in modo gratuito ma ciò nonostante i costi legali sono alti.

conto corrente postale:001004906838
IBAN IT22 L076 0101 0000 0100 4906 838
Intestato a PIETRO DAVY CEBRARI MARIA CHIARA.
Ultimi commenti

 Dal profilo facebook di Ferdinando Imposimato
  - di: Webmaster
  - 2014-12-24 19:25:49
 Il ministro Lupi: 'Ognuno guardi a casa propria'
  - di: Webmaster
  - 2014-04-29 07:45:15
 Proiettile ad Amprino: si accertino i mandanti.
  - di: Webmaster
  - 2014-04-17 19:35:45
 Re: Keynes in Valsusa: bignamino NoTav per non valsusini
  - di: mnf59
  - 2014-01-15 18:16:41
 Irreversibile, Architetto? di Luca Giunti
  - di: Webmaster
  - 2013-11-14 09:16:48
 ALTRA PUNTATA NEL TEATRINO DEL CANTIERE
  - di: Webmaster
  - 2013-11-13 08:12:00

Ultimi 40 Commenti

Lica x WL
Video

Il Il Ministro di Pietro ed il programma dell'Ulivo

Previsioni Meteo

Previsioni
 
Immagini Satellite
 
Previsioni Province
Valsusa e dintorni
La Stampa 9.12.05 La polizia sorpresa dalla marea dei ribelli

dai media patton ha scritto
"

IL GIORNO PIU’ LUNGO GLI AGENTI HANNO AVUTO ORDINE DI EVITARE UN BILANCIO DRAMMATICO
La polizia sorpresa dalla marea dei ribelli
Impossibile tenere i siti, lacrimogeni per coprire la fuga
di Marco Neirotti





SUSA. La verità l'abbiamo avuta davanti agli occhi pochi minuti dopo l'una di ieri, quando incominciava a diradarsi il fumo dei lacrimogeni oltre le recinzioni divelte del cantiere di Venaus, riconquistato da 30 mila persone: lo Stato italiano ha perso la battaglia, ha dovuto arrendersi alla spontanea repubblica della Val di Susa. E, se ha perso salvando la dignità, evitando disastri, lo deve all'equilibrio dei vertici di polizia e carabinieri, dal vicequestore vicario, Michele Rosato, al colonnello Antonio De vita, comandante territoriale dell'Arma, coordinati dal questore Rodolfo Poli. E' stata giornata di compostezza durata a lungo, ma anche di intenti che serpeggiavano, di un fine ultimo preciso da non sciupare lungo la strada con azioni eccessive.

E' stata anche giornata di autocontrollo dei funzionari Digos, di ufficiali, dei singoli agenti, di sforzi convinti dei sindaci con le fasce tricolori ai quali non poteva non sfuggire di mano una folla così grande e composita. Ma anche ore di disordine emotivo tra alcuni manifestanti. Flash che ognuno può incollare come vuole. Alle 10 il popolo No-Tav prende il cappuccino con i bambini. E una ragazza sui 30 anni, pantaloni kaki, giubbotto e zainetto, si china a raccogliere pietre tra le piante della piazza-parcheggio. Alle 11, mentre si sale, partono slogan e sortite feroci: «Viene il dottor Tale a picchiare la gente per bene?», «I Romani qui se le sono già prese», «Levatevi bastardi». Quando, davanti al blocco del bivio che porta al sito, si grida «buffoni» a elmi e scudi, i sindaci insistono: «Non fate cazzate». Risposta: «Buffone anche te». E da una fascia tricolore di primo cittadino viene la frase che annuncia la piega che la mattinata prende: «Non governiamo più niente».

Resa inevitabile
Restando come un cuscinetto tra chi preme e lo sbarramento di forze dell'ordine, si percepisce chiaro che questa folla non è comunque arginabile.

Qui incomincia la tensione pacata: funzionari che dialogano con chi è già dietro il cordone: «Non mi diverto, mi creda». Sconsolati e fermi. La resa inevitabile dello Stato al movimento è già cosa fatta: si tratta di renderla graduale, di «filtrare» i personaggi per evitare provocazioni. Si apre un varco - e i sindaci si prodigano a trattenere la gente - per far passare un container che diverrà presidio. Si contratta - «se dite quattrocento diventano il doppio, vi concediamo una delegazione di duecento» - ma la fase «tenaglia» è cominciata. Chi prosegue salendo verso Nord scenderà dal bosco. E dietro lo sbarramento vedi la totale confusione di brava gente. «Signora, portate via i bambini in passeggino di qui». Risposta: «Manganellano anche lui?». Va bene la rabbia per la notte di Venaus, ma le bottiglie vuote, i pezzi di metallo, le pietre, gli accendini, perfino una scarpa che ci volano addosso non li lanciano gli «sbirri», passano sulla loro testa e colpiscono a caso civili tranquilli. Un ragazzo riceve sulla mascella un cerchio di ferro. Arriva da sconosciuti di là dalla barriera, lo soccorre la polizia. Ma la signora si ostina: «Mio figlio ha diritto di stare qui». Non il dovere di avere una madre così poco accorta.

L’esercito disarmato
La sensazione di vittoria scende dalla curva per Venaus con passo più veloce di quello dei manifestanti che ormai filtrano nel blocco, aggirano. E' un esercito disarmato che si gonfia. I ragazzi dei centri sociali stanno attenti a non alzare la tensione. Mazze e bastoni e pietre li tengono per l'ultimo attacco, quando sono a testuggine, quando le armi restano per intelligenza nelle fondine e partono soltanto nuvole di fumo che strappa gli occhi. Le provocazioni volano costanti, insulti, inviti a «picchiare», tanto che un sindaco dice: «Lasciateli fare. O sparate. Non c'è altra soluzione». E la vittoria contro lo Stato - contro Tav, ma anche contro il blitz di lunedì notte, contro prezzi, vita cara, pensioni difficili, malesseri di ogni giorno - diventa una spinta. E' una corsa liberatoria quella contro il sito Sitav, mentre altri distruggono la recinzione lungo la strada e si spargono tra i resti delle tende spezzate, piegate, abbandonate dalla ruspa.

La ritirata
Partono i lacrimogeni, ma è autodifesa, non carica. E' l'una. La Valle di Susa si è ripresa Venaus. Arrivano rinforzi. Simbolici, preventivi ormai. Si può tornare a casa. Il disordine dei pensieri si fa più confuso. Un ragazzo insulta giovani agenti (gli stessi che due ore prima del blitz notturno stavano organizzando una partita di calcio con i valsusini del presidio) appoggiati al jeeppone stanchi, indifferenti. Insiste. Uno lo afferra d'improvviso. La gente insorge. Lo lascia andare e quello riparte con gli insulti. E le stesse persone che lo difendevano ora lo travolgono di parole: «Vattene dalla nostra valle. Non vogliamo gente come te». Parole e manganelli, reazioni emotive, immediate, fatte di memoria, sentito dire e visto. La vittoria la spargeranno per l'Italia gli antagonisti. Si scende, sempre più numerosi. Chi non sapesse che cosa è successo, se non ci fossero striscioni e cartelli, potrebbe pensare che sia appena finito un concerto rock.


"

Postato il Friday, 09 December @ 11:32:59 CET di
 
Links Correlati
· Inoltre dai media
· News by notavsuper


Articolo più letto relativo a dai media:
Domenica a Susa

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

"La Stampa 9.12.05 La polizia sorpresa dalla marea dei ribelli" | Login/Crea Account | 4 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: La Stampa 9.12.05 La polizia sorpresa dalla marea dei ribelli (Voto: 1)
di DomenicoSchietti il Friday, 09 December @ 11:47:30 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio | Journal)
Bhe certo, la polizia non ha sparato sulla folla, ma neanche la folla si è mangiata la polizia. Tutto è avvenuto in maniera civile, democratica e nonviolenta. Sullla presenza di provocatori mercenari pronti allo scontro ormai la popolazione è matura e sa benissimo che le botte gratis non le prende nessuno volentieri e quindi quando si vedono persone lanciarsi contro la polizia o prendere oggetti impropri per farne utilizzo violento non si tratta mai di manifestanti. Se con 5000€ si paga un contarctors per un mese in Iraq ad uccidere e sparare, quanto credete che costi una combricola di un centinaio di violenti che picchiano, distruggono ed usano oggetti impropri? Credete che un paio di biglietti per qualche partita di coppa siano sufficienti? 5000€ per 50 cretini credete che siano sufficienti? Di fronte alla speculazione politica che si può trarre da situazioni del genere cosa sono 5000€? Di fronte ad un progetto da 17miliardi di € cosa sono 5000€? La gente ormai ha capito e sa come avvengono i fatti.



Re: La Stampa 9.12.05 La polizia sorpresa dalla marea dei ribelli (Voto: 1)
di Francesca82 il Friday, 09 December @ 11:54:36 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio | Journal)

Certo è che la polizia, dopo l'azione di lunedì notte, si è cercata tutto, dagli slogan ai ragazzi armati.

Perchè tutti sapevano che avremmo trovato i blocchi, perchè tutti sanno che gli agenti in anti-sommossa per quanto "esaguano solo degli ordini" ci mettono tanto, tantissimo, del loro.

Perchè luendì notte la ferocia è stata inaudita, sino a spaccare nasi, piedi e teste... e non credo che questo sia stato un "semplice ordine dall'alto".

Quindi bando alle denuncie ed alle difese; loro sono qui per offenderci fisicamente, per impedirci di andare a casa NOSTRA liberamente... e se la folla era ieri inferocia con loro... non è certo colpa nostra!!




Re: La Stampa 9.12.05 La polizia sorpresa dalla marea dei ribelli (Voto: 1)
di kaneda03 il Friday, 09 December @ 12:28:39 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)

sarebbe stato semplicissimo per le forze dell'ordine evitare quanto successo.

bastava che rimanessero a guardia del cantiere e ci facessero passare dai passeggeri,quindi o sono degli incompetenti o hanno fatto in modo che si creasse l'incidente per cercare di giustificare i fatti di lunedi'.

dato che gia' nella giornata di lunedi' appunto abbiamo assistito ad azioni di infiltrati che hanno cercato di provocare incidenti,traete da voi le conclusioni.

siceramente mi sento enormemente disgustato.




Re: La Stampa 9.12.05 La polizia sorpresa dalla marea dei ribelli (Voto: 1)
di giulemani il Friday, 09 December @ 12:39:36 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)

Poche storie!!

Senza quei ragazzi il vecchietto o il bambino  non avrebbe potuto passare come E' DOVUTO A UN LIBERO CITTADINO!!! Ci stiamo dimenticando che ieri era l'Immacolata!! e che era dovuto ai cittadini voler festeggiare la MADONNA DEL ROCCIAMELONE IN SANTA PACE!!!!!!!!!!!!

PRATICAMENTE LA VAL DI SUSA E' DIVENTATA PROPRIETA' PRIVATA DELLE CMC O MEGLIO DI ROMA?????????!!!!!

INVECE NO!!

LI' CI SONO CASE ABITATE DA LIBERI E ONESTI LAVORATORI, CI SONO SCUOLE, NEGOZI, LOCALI......c'e' l'ITALIA e nessuno deve permettersi di svenderla o sequestrarla al miglior OFFERENTE!!!!!

Ragazzi, chiunque voi siate e da qualsiasi posto veniate GRAZIE PER AVERCI RESTITUITO LA DEMOCRAZIA.....anzi peccato che eravate solo 30!!!





I loghi ed i marchi registrati presenti su questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Le istruzioni per l'uso sono state realizzate con l'ausilio del manuale ufficiale italiano di phpNuke, scaricabile su www.spaghettibrain.com.
Contatti: webmaster @ notav . eu 338 17 414 67
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.11 Secondi

Theme by Dezina