------|    Processo ai NoTav. La vendetta dello Stato - 2015-01-27 22:59:45    ||    Oulx - 4 Gennaio, proiezione di Qui di Daniele Gaglianone - 2015-01-03 16:26:05    ||    Francesco, Graziano e Lucio, annullata accusa terrorismo - 2014-12-29 16:51:21    ||    Incendio a Bologna 2014, 'caso risolto'. Strage di Bologna 1980: mandanti ignoti - 2014-12-26 10:07:02    ||    Lettera a Babbo Natale - 2014-12-26 09:04:38    ||    Il vero danneggiato dagli attentati ai treni è il movimento NoTav - 2014-12-24 16:00:26    |------

Consulta la storia del sito
Pagina iniziale  Connettiti Pagina iniziale  Downloads  Members Login  Submit News  Top 10  FAQ  Argomenti  Contattaci   
Documenti
150 brevi ragioni NoTav Valsusa
Tav: Le ragioni liberali del NO
Processo Tav
NotavTV
» MENU'
» CERCA
» MEMBRI
» CONTENUTI
» ALTRO
» STATISTICHE
Autofinanziamento
Comitato di solidarietà "DIAMO UN FUTURO DI SPERANZA AI NOSTRI RAGAZZI NICOLAS, LORENZO, STEFANO", costituito per i tre ragazzi di Novalesa che sono stati gravemente feriti dallo scoppio di un residuato bellico mentre lavoravano in un campo:
chi vuole contribuire con un versamento può utilizzare il conto intestato a Pezzoni Gilberto
bonifico bancario IBAN: IT79 Z076 0101 0000 0009 3438 463
oppure ccp 93438463
(chi effettua un postagiro indichi il conto n. 000093438463)
Autofinanziamento delle spese legali del movimento.
I nostri legali lavorano tutti in modo gratuito ma ciò nonostante i costi legali sono alti.

conto corrente postale:001004906838
IBAN IT22 L076 0101 0000 0100 4906 838
Intestato a PIETRO DAVY CEBRARI MARIA CHIARA.
Ultimi commenti

 Dal profilo facebook di Ferdinando Imposimato
  - di: Webmaster
  - 2014-12-24 19:25:49
 Il ministro Lupi: 'Ognuno guardi a casa propria'
  - di: Webmaster
  - 2014-04-29 07:45:15
 Proiettile ad Amprino: si accertino i mandanti.
  - di: Webmaster
  - 2014-04-17 19:35:45
 Re: Keynes in Valsusa: bignamino NoTav per non valsusini
  - di: mnf59
  - 2014-01-15 18:16:41
 Irreversibile, Architetto? di Luca Giunti
  - di: Webmaster
  - 2013-11-14 09:16:48
 ALTRA PUNTATA NEL TEATRINO DEL CANTIERE
  - di: Webmaster
  - 2013-11-13 08:12:00

Ultimi 40 Commenti

Lica x WL
Video

Le Le Iene - Il costo dell'alta velocità (Parte 3/3)

Previsioni Meteo

Previsioni
 
Immagini Satellite
 
Previsioni Province
Valsusa e dintorni
Il tempo 2.12.05

dai media patton ha scritto
"

«Val di Susa, occhio agli infiltrati»
L’INTERVISTA Ermete Realacci teme che la rivolta possa degenerare
di MARCO CASTORO
LA TAV continua a dividere le forze in campo. Soprattutto quelle politiche che, paradossalmente, si agitano più dei valligiani. Dentro l’Unione si continua a discutere per riordinare le fila e trovare una linea congiunta. Tuttavia, Prodi continua imperterrito nel suo silenzio, mentre gli ambientalisti sembrano anime in pena. L’altro giorno alcuni di loro si sono distinti scrivendo una lettera di solidarietà alla presidente della Regione Piemonte, Mercedes Bresso, contro le minacce ricevute.



Tra i firmatari Ermete Realacci, presidente onorario di Legambiente in forza alla Margherita. Realacci, perché Prodi non prende posizione sulla Val di Susa? «Non ha bisogno di farlo adesso. L’ha fatto a suo tempo». Beh, forse sarebbe opportuno ribadirlo visto che le polemiche infuriano. Lui è favorevole? «Certo. A suo tempo è stato tra gli artefici». Eppure nel centrosinistra ci sono posizioni divergenti? «C’è qualche attrito, ma sostanzialmente sulla Tav il centro gravitazionale della coalizione è perfettamente allineato. Ds e Margherita, che lo rappresentano per i tre quarti, hanno già dato garanzie sulla linea da seguire. Tuttavia, come di consueto tutte le voci verranno ascoltate». Quali errori sono stati commessi in Val di Susa per scatenare un simile putiferio? «Le procedure accelerate della legge obiettivo hanno creato il mostro: come spesso accade la gatta frettolosa fa i gattini ciechi». Cosa è necessario fare per riportare la questioni sui binari corretti? «Premesso che ci troviamo di fronte a un’opera importante. Strategica. Il corridoio 5 è essenziale per il nostro futuro: l’Italia non può restare tagliata fuori dai traffici. Tuttavia va anche detto che ci sono tre questioni importanti da risolvere: 1) la scelta strategica va valutata bene dal punto di vista del trasporto; 2)l’impatto ambientale, i pericoli dovuti all’amianto e al materiale radioattivo. Fattori che vanno analizzati senza fretta, quindi sarebbe opportuno allungare un po’ i tempi nella fase di valutazione, comprese anche le tecniche di scavo per neutralizzare eventuali rischi; 3) Individuare la giusta contropartita per gli abitanti della valle. Per loro è un problema enorme. Un’opera del genere modifica scenario e abitudini. Per esempio ripristinare alcune linee ferroviarie che portavano i pendolari della valle a Torino. E poi ridurre il passaggio dei tir per garantire una certa sicurezza ai residenti». Ci sarà anche una contropartita economica? «Riportare tutto a un problema di monetizzazione mi sembra un po’ riduttivo. Tuttavia non lo escludo perché quando si realizzano grandi opere si parla anche di risarcimenti. A mio giudizio per salvaguardare residenti e territorio è necessario rinunciare al nuovo traforo stradale sul Frejus. Se si scelgono i treni bisogna almeno eliminare i tir dalla zona». Ma allora anche lei è contrario alle grandi opere? «Qui è necessario fare un po’ d’ordine: non si possono realizzare tutti i 300 progetti di cui si è parlato. Le risorse sono limitate. Diventa fondamentale una cernita. Dare la priorità solamente ai progetti più importanti. Già siamo alle prese con le difficoltà dell’Anas che non riesce nemmeno a pagare le ditte che oggi stanno lavorando». Un’ultima domanda: non si ha paura che la protesta della Val di Susa degeneri come è accaduto per le periferie parigine? «Mi auguro proprio di no. Gli amministratori del posto sono seri e responsabili. Anche quelli della comunità montana, quindi c’è da augurarsi che non si commettano errori gravi. Siccome sono persone intelligenti e dalla tradizione democratica ben radicata debbono vigilare attentamente che tra i protestanti non ci siano infiltrati con lo scopo di destabilizzare la contesa e trasformarla in una polveriera. Se bruciassero le ruspe i cittadini della valle passerebbero dalla ragione al torto. Tuttavia c’è da registrare come sul versante francese non ci sia nessun tipo di problema: evidentemente hanno fatto le cose nella maniera giusta».

nda per chi non se lo ricordasse Ermete il Glabrione è il Presidente onorario di Lega Ambiente

"

Postato il Friday, 02 December @ 21:10:15 CET di
 
Links Correlati
· Inoltre dai media
· News by notavsuper


Articolo più letto relativo a dai media:
Domenica a Susa

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

"Il tempo 2.12.05" | Login/Crea Account | 1 commento
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: Il tempo 2.12.05 (Voto: 1)
di jack8321 il Friday, 02 December @ 21:55:50 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Questa opera, esimio signore, è inutile




I loghi ed i marchi registrati presenti su questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Le istruzioni per l'uso sono state realizzate con l'ausilio del manuale ufficiale italiano di phpNuke, scaricabile su www.spaghettibrain.com.
Contatti: webmaster @ notav . eu 338 17 414 67
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.55 Secondi

Theme by Dezina